Codici di velocità pneumatici, che cosa sono

2264 0
2264 0

Le sigle riportate sugli pneumatici – un esempio generico potrebbe essere 205 55 R16 91V – nascondono un mondo. O meglio: celano, dietro numeri e lettere, tutte le caratteristiche di un determinato pneumatico, il che è tutt’altro che banale. Per esempio molto dicono sul carico che lo pneumatico può sopportare oppure molto dicono sulla velocità massima a cui un veicolo può viaggiare. Questi ultimi due esempi sono proprio legati al codice di carico (nell’esempio riportato 91) e al codice di velocità (nell’esempio riportato V). Ma vediamo che cosa significa e come deve essere interpretato il codice di velocità.

Una definizione da manuale

Secondo i “Sacri testi” di ingegneria meccanica, l’indice di velocità è un codice alfabetico che corrisponde alla velocità massima alla quale uno pneumatico può viaggiare.

In altre parole, come in effetti è prevedibile immaginare, lo pneumatico è determinante nella sicurezza di un veicolo, tanto che è proprio lo pneumatico a dettare la massima velocità consentita. E lo fa con delle lettere. Inutile sottolineare che se non si dovessero rispettare le norme dettate dallo pneumatico, il rischio a cui si va incontro è elevatissimo.

Montare pneumatici con un indice di velocità non idoneo per una data vettura può essere infatti molto, molto pericoloso, tanto che tutti i costruttori di pneumatici sono severissimi nell’affermare che non si deve mai viaggiare a velocità non consentite dal treno di pneumatico che la vettura monta.

Come si interpreta il codice di velocità

Come si è visto, conoscere l’indice di velocità è facile: basta leggerlo sul fianco di uno degli pneumatici montati sul proprio veicolo. Naturalmente una lettera dice poco: andrà poi confrontata con apposite tabelle che riportano tutti gli indici di velocità.

Detto questo, ci sono alcune cosa da sapere, per esempio che nella stagione invernale si possono montare gomme con un indice di velocità inferiore (ma solo di una lettera!) rispetto agli pneumatici impiegati nella stagione estive. Per proseguire con l’esempio di prima, se gli pneumatici estivi recano la lettera V, si possono scegliere pneumatici invernali recanti la lettera T, non certo H. Ma che cosa cambia da un indice all’altro? Cambia molto, soprattutto in termini di sicurezza.

Sì, perchè a seconda del diverso indice, lo pneumatico si scalda e si deforma in maniera differente, con tutte le conseguenze (facilmente immaginabili) del caso. Dunque attenzione: lo pneumatico, con i suoi codici, dice cose di fondamentale importanza.

Ultima modifica: 26 Marzo 2019