Cambio gomma forata fai-da-te: come fare

1703 0
1703 0

Nel mezzo del tragitto di ogni automobilista, o guidatore, è capitato almeno una volta di ritrovarsi con una gomma forata. La riparazione, o sostituzione della gomma in questione, può essere svolta in autonomia. Vediamo, come capire quando sostituire la gomma, se usare il kit di riparazione e come cambiare una gomma forata.

Quando sostituire o riparare la gomma: kit di riparazione

Un disagio che spesso può accadere alla guida, riguarda la foratura di una gomma. Il contrattempo può capitare per svariati motivi: usura della gomma; presenza di sassi o materiale appuntito sulla strada; urto dello pneumatico a causa di una buca.

In base alla natura e profondità del foro, si può comprendere: se è possibile riparare momentaneamente la gomma, o se è urgente un’immediata sostituzione. Se il foro è di piccole dimensioni, situato sul battistrada, la gomma può essere riparata; se il foro è grande o si trova ai lati della gomma, urge una sostituzione.

Tutte le auto sono dotate di un ruotino di scorta o di un kit di riparazione. Quest’ultimo, si rivela molto utile per riparazioni temporanee, a condizione che non si debbano fare molti chilometri di strada con la gomma usurata. Il kit di riparazione può anche essere acquistato, la fascia di prezzo può arrivare fino ai 100 euro, in base alla qualità di prodotto desiderata.

Il kit di riparazione per gomme comprende: una bomboletta, contenente schiuma sigillante; un compressore, per immettere aria e schiuma nella gomma da riparare. Spesso, i compressori dei kit sono dotati di una propria batteria. Una volta azionato il compressore e sigillata la gomma, è possibile percorrere lentamente fino a 60 chilometri.

Come sostituire una gomma forata in autonomia

Nel caso in cui la sostituzione della gomma sia molto urgente, è possibile procedere in autonomia. I passaggi da seguire per un cambio gomma fai-da-te, sono i seguenti:

  • posizionare l’auto fuori dalla strada, in posizione sicura e piana;
  • azionare il freno a mano e assicurarsi della totale immobilità dell’auto;
  • prendere e posizionare sotto al telaio della gomma forata, il cric;
  • sollevare l’auto da terra, con l’aiuto del cric;
  • allentare i dadi della gomma, con l’aiuto di una chiave, spesso contenuta nel kit di emergenza;
  • togliere la gomma;
  • inserire la ruota di scorta;
  • bloccare la nuova ruota con i dadi, allentati in precedenza;
  • utilizzare il cric per abbassare l’auto e sfilarlo.

Questa operazione può richiedere un po’ di tempo, se fatta in autonomia. La sicurezza di chi la compie e degli altri guidatori sulla strada, è quindi elemento primario. L’utilizzo di un giubbotto catarifrangenti è caldamente consigliato.

Ultima modifica: 4 Ottobre 2022