Bollo moto d’epoca, costi e tempistica

13872 0
13872 0

Gli appassionati di motori sono tanti, tantissimi. Si tratta di un gruppo che normalmente si divide in patiti delle due o delle quattro ruote. C’è chi ama cambiare spesso il proprio mezzo per seguire l’ultima moda ed essere sempre al passo con i tempi e con il mercato, chi è appassionato di meccanica e costruisce o ripara da sé i veicoli che più ama e chi, ancora, compra un’auto o una moto e gli giura amore e fedeltà finché cause di forza maggiore non li separino. Tra tutti questi appassionati e amatori, si apre un’altra categoria, quella degli appassionati e amanti di veicoli d’epoca. Vediamo nel dettaglio il bollo moto d’epoca.

Bollo moto d’epoca

Possedere una moto d’epoca è un sogno ed un obiettivo per molti appassionati del genere, se fate parte di questa categoria, però, è bene tenere in considerazione che le pratiche burocratiche, che si devono normalmente svolgere per ogni veicolo, spesso seguono un iter differente quando riguardo i veicoli storici. Se avete memorizzato tutte le regole da seguire in fatto di assicurazione e bollo che competono la vostra due ruote, sarà meglio controllare le istruzioni al riguardo qualora decidiate di entrare in possesso di una moto d’epoca.

In alcuni casi infatti, saranno previste anche esenzioni o agevolazioni per i veicoli che rientrano nella categoria di quelli storici. Per quanto riguarda il pagamento del bollo, la tassa legata al possesso di un veicolo, in generale si tratta di un’imposta che deve essere pagato ogni anno alla regione di residenza. Si tratta di un quantitativo stabilito dalla regione stessa che varia in base alla potenza in Chilowatt e alla classe di omologazione del veicolo. Essendo una tassa di possesso, ricade su tutti i veicoli, moto incluse, in teoria senza eccezione per le moto d’epoca, anche se ci sono dei casi in cui sono previste delle esenzioni per questa categoria.

Tuttavia, dal momento che la decisione del corrispettivo spetta alle singole regioni e dati anche i continui cambiamenti degli ultimi anni, la situazione in merito alle regole al riguardo non è sempre così chiara come dovrebbe.

Cerchiamo quindi di capire quali siano i costi e le tempistiche che riguardano il pagamento del bollo per le moto d’epoca.

Costi e tempistica

Per prima cosa, per capire quale siano costi e tempistiche relativi al pagamento del bollo di una moto d’epoca, è necessario stabilire se la moto in questione rientri nella categoria dei veicoli d’epoca e a carattere collezionistico. A tale proposito, è bene precisare che, per poter richiedere un certificato Automotoclub Storico Italiano per attestare la propria due ruote come moto d’epoca, il veicolo deve aver compiuto venti anni dalla data di costruzioni, invece, per poter richiedere i benefici fiscali previsti per i veicoli storici, la moto dovrà avere almeno trenta anni.

Agevolazioni fiscali

In fatto di bollo e moto d’epoca, gli ultimi anni hanno visto susseguirsi un po’ di confusione al riguardo. Nel 2017, infatti, l’esenzione del bollo per i veicoli di particolare interesse storico e collezionistico di età compresa tra i 20 ed i 30 anni era stata eliminata per poi tornare ad essere reintrodotta agli inizi del 2019, con una legge di bilancio che ha reintrodotto le agevolazioni fiscali sul bollo per i mezzi con un’età compresa tra i 20 e i 29 anni e che ha provato ad uniformare i costi di questa tassa a livello regionale.

I casi di esenzione totale del pagamento del bollo per le due ruote, sono previsti solamente quando la moto in questione sia stata immatricolata da oltre trenta anni.

Per gli altri veicoli, invece, ce siano stati immatricolati in una data compresa tra i venti e i ventinove anni dalla data attuale, è prevista una riduzione del cinquanta per cento sul totale del pagamento previsto. Questa agevolazione, però, come già anticipato, è subordinata al riconoscimento della moto come mezzo d’epoca, da parte di uno dei 5 registri tra ASI, Storico FMI, Storico Lancia, Italiano Alfa Romeo e Italiano FIAT.

Come richiederle e ottenerle

Per poter richiedere e di conseguenza usufruire della riduzione, il proprietario della moto d’epoca deve necessariamente ottenere il certificato che attesti la storicità della motocicletta. Per fare ciò, è doveroso versare la quota annuale che attesti e garantisca l’iscrizione a tale registro così come è necessario sostenere le spese per il certificato che attesti che il veicolo sia una moto d’epoca.

La cifra relativa all’ottenimento del certificato varia a seconda del club e, generalmente, si aggira tra i 100 e 150 euro. Per poter usufruire delle agevolazioni per il pagamento del bollo relativo alla nostra moto d’epoca, è altrettanto necessario aggiornare la carta di circolazione in modo che questa attesti la condizione di storicità della moto.

Per ottenere l’aggiornamento della carta di circolazione, in modo da poter poi richiedere le agevolazioni riguardanti il pagamento del bollo della moto d’epoca, è necessario allegare alla domanda copia del certificato di rilevanza storia e del certificato di iscrizione, nonché una fotocopia della carta d’identità e l’attestazione del versamento di 9 euro e di quello di 14,62 euro. Dare un’indicazione precisa del costo del bollo non è possibile in quanto varia a seconda del veicolo e spesso della regione, tuttavia, se la propria moto non è ancora stata iscritta e certificata come veicolo d’epoca, oltre ai costi del bollo stesso, sarà necessario aggiungere e considerare anche i costi appena citati.

E le scadenze?

Nonostante le modalità, i costi e le tempistiche per il pagamento del bollo dei veicoli varino a seconda delle regioni, il versamento di questa imposta sulla proprietà dei veicoli ha scadenze ben precise.

La scadenza del bollo per le moto immatricolate da meno di 20 anni, e quindi non considerate moto d’epoca, è prevista per i mesi di gennaio e luglio, ad eccezione fatta per la regione Piemonte e Lombardia, dove la tempistica e la scadenza del pagamento segue le regole previste per la tempistica relativa alle auto, che fissa la scadenza del bollo dodici mesi dopo l’immatricolazione.

Per quanto riguarda le moto d’epoca invece, il bollo scade a dicembre e, così come nei casi delle auto e degli altri veicoli che non siano immatricolati da oltre venti anni, il pagamento deve essere effettuato entro il mese successivo alla scadenza.

Ultima modifica: 17 Gennaio 2020