Auto a gas: vantaggi e svantaggi

42203 0
42203 0

Le auto a gas utilizzano gas naturale complesso, composto di metano, propano, butano e tracce di altri gas combustibili. Esistono i veicoli a Gas e i veicoli a GPL che sono due categorie di vetture a gas piuttosto diverse oltre che Diesel e Metano. Attualmente il mercato si sta orientando verso una tipologia di scelta più vicina a questo tipo d autovetture che a quelle a benzina, per molteplici motivi, tra cui il risparmio economico e la sostenibilità ambientale.

Nell’acquisto di un’auto, nuova o usata che sia, uno dei dubbi ricorrenti riguarda il tipo di alimentazione da scegliere. La risposta non è univoca poiché benzina, diesel, GPL e metano presentano tutti dei pro e dei contro che dipendono da diversi fattori, ad esempio dall’utilizzo che si fa dell’auto e dalle proprietà del singolo combustibile.

Vediamo dunque, vantaggi e svantaggi dei diversi carburanti.

Benzina: partiamo dall’alimentazione a benzina, la più diffusa tra le automobili insieme al gasolio. Lo svantaggio è che la benzina è anche il carburante più costoso. Se si percorrono ad esempio i classici percorsi casa-ufficio, il motore a benzina si rivela più economico rispetto ad un diesel.

Uno dei vantaggi delle auto a benzina è che il loro costo iniziale, ovvero di acquisto, è solitamente tra i più bassi, rispetto alle auto alimentate con altri carburanti.

Diesel: il gasolio è più conveniente a livello di prezzo al litro e i veicolo che adottano questo carburante consumano meno rispetto a quelle di pari livello a benzina. Da sottolineare che però anche la manutenzione di una vettura diesel solitamente è più onerosa e anche l’assicurazione, a parità di cilindrata, costa leggermente di più rispetto alle versioni a gasolio.

Gpl, Bifuel: questo rappresenta una scelta vantaggiosa. Il primo vantaggio in assoluto è l’abbattimento di costi poi i vari ecoincentivi statali che vengono messi a disposizione per incentivarne l’acquisto.

Il mercato oggi produce tantissimi modelli con impianto GPL, ma anche Bifuel e benzina.

Come funziona auto a gas

Le caratteristiche tecniche del GPL, come il metano, portano stress superiori sulla testata e le sedi delle valvole, che richiedono un’attenzione maggiore, specialmente legata alle tolleranze tra valvole e le loro sedi. E’ bene utilizzare degli additivi specifici per la conservazione della stessa autovettura. Manutenzione delle auto a GPL, costi e tagliandi sono superiori ai costi delle vetture a benzina.

Un altro problema legato all’utilizzo della vettura a gas è il parcheggio sotto il primo piano sotto il livello della strada.

La normativa europea dispone che le auto a gpl possono parcheggiare anche nei parcheggi interrati delle autorimesse, fino al primo piano sotto il livello stradale.

E’ possibile per le auto a GPL con impianti moderni, dotati di multi-valvola, prodotti dal 2001 in poi. Nel caso di parcheggio auto GPL in garage condominiali e in presenza di regolamenti di condominio che lo vietano, il proprietario può provare a far valere il diritto riconosciuto agli impianti conformi alla normativa comunitaria.

Come in tutte le cose è necessario quanto prioritario capire di cosa effettivamente fa per noi, in base alle nostre esigenze e in base al nostro stile di vita, scegliendo solo in seguito il modello che ci piacerebbe acquistare.

Analizziamo allora i vantaggi e gli svantaggi per una scelta consapevole sull’acquisto di questo tipo di vetture.

Pro e contro

  • I vantaggi: il vantaggio principale offerto da un’auto a GPL, è quello di avere un pieno di carburante, con un costo nettamente inferiore a quello che si avrebbe se avessimo una vettura a benzina. I gas di scarico sono ovviamente meno inquinanti ma il vero vantaggio è proprio il ridotto costo del GPL rispetto alla benzina. Questo rende vantaggioso anche l’alimentazione alternativa, nonostante il rendimento inferiore della vettura stessa. Diversamente dal metano, infatti, un’auto a GPL consuma più di una equivalente a benzina.

un altro vantaggio enorme, per le vetture a gas, è quello di avere libero accesso nelle zone del centro storico. Si può tranquillamente circolare all’interno delle zone ZTL con poche eccezioni e limitazioni che hanno invece le vetture a benzina.

Questi vantaggi sono analoghi sia per le vetture a gas che per quelle a metano.

  • Gli svantaggi: nonostante i molteplici vantaggi, anche le vetture a metano e/o bifuel hanno i loro svantaggi che sono tanti quanti i vantaggi.

La presenza delle bombole comporta dei controlli ulteriori in fase di revisione, fissata come per le auto a benzina a 4 anni dalla prima immatricolazione e successivamente ogni 2. E’ quindi obbligatorio sostituire le bombole ogni 10 anni, per non incorrere in qualche rischio relativo alla funzionalità delle stesse. La sostituzione delle bombole ha, ovviamente, un costo che è necessario tenere in considerazione se si vuole tenere “sott’occhio” i costi e farne una base di scelta per l’acquisto.

Quanto costa fare la manutenzione

La manutenzione varia in base ai materiali di costruzione delle valvole e sedi valvole.

– Se l’auto è dotata di valvole autoregolanti non necessita di nessuna manutenzione e se i materiali di costruzione delle valvole e sedi valvole sono in acciaio. La durata del motore nel funzionamento a gas è superiore al funzionamento a benzina.

– Se dotata di valvole a registro a piattello e a bicchierino e materiali di costruzione in acciaio, necessita di registrazione valvole ogni 100/120.000 km in base all’utilizzo dell’auto.

– Se dotata di valvole a registro a piattello e a bicchierino e materiali di costruzione non in acciaio, necessita di registrazione valvole ogni 40/50.000 km in base all’utilizzo dell’auto.

Quanto costa l’assicurazione

Il costo dell’assicurazione varia in base all’agenzia di riferimento, generalmente non dovrebbe differire notevolmente dal prezzo proposto per le auto a benzina. Quindi la differenza non sempre è presente, anche se difatti molte agenzie assicurative tendono ad aumentare il prezzo del 4-5%, basandosi sul fatto che è un’auto destinata a percorrere più chilometri, che il costo del carburante è minore e perché l’auto può circolare anche nei gironi di blocco del traffico.

Quanto consuma

Da un punto di vista di consumo, l’auto gpl, consuma molto di più, in litri, rispetto ad una vettura a benzina. Questo perché l’energia a disposizione è minore. Tuttavia si possono fare delle supposizioni teoriche circa il risparmio effettivo, prendendo in considerazione un modello simile a benzina. Confrontandoli, emerge il notevole risparmio che un veicolo gpl comporta rispetto ad uno a benzina.

Ultima modifica: 22 maggio 2017