A che età vale la pena acquistare un’auto usata?

178 0
178 0

A che età vale la pena acquistare un’auto usata? Quando si sale su un’auto nuova e si percorrono i primi chilometri, in genere il veicolo perde il 10% del suo valore. Questa regola di lunga data è stata infranta solo dall’estrema carenza di consegne di auto nuove durante la pandemia del 2021 e del 2022.

In alcuni casi, le auto nuove erano più economiche delle usate in condizioni pari al nuovo, poiché un’auto era disponibile immediatamente e in alcuni casi l’attesa per averne una nuova era superiore a un anno. Tuttavia, il mercato automobilistico è tornato gradualmente allo stato precedente e Carvago ha confrontato le diverse classi di auto e la loro capacità di mantenere o perdere valore.

In media, un’auto nuova perde circa il 15% del suo valore entro il primo anno. Questo deprezzamento continua al ritmo di circa il 10% all’anno per i successivi anni. Alla fine del quinto anno, l’auto vale in genere circa il 40-60% del prezzo di acquisto originale. Ciò significa che nei primi cinque anni un’auto perde circa il 50% del suo valore. Nell’arco di dieci anni, un’auto nuova si svaluta mediamente il 70-80% del suo valore originale, anche se ciò può variare in base a fattori quali la marca, il modello, il chilometraggio e le condizioni del veicolo.

Questi tassi possono variare in modo significativo a seconda del veicolo specifico e del suo utilizzo. Ad esempio, le auto di lusso tendono a svalutarsi più rapidamente di quelle economiche, mentre alcuni marchi noti per la loro affidabilità, come Toyota e Honda, tendono a conservare il valore meglio di altri.

Secondo un’analisi di Carvago, le piccole compatte del segmento B hanno ottenuto risultati sorprendenti, conservando quasi interamente il loro valore dopo quattro anni di utilizzo. Diverse ragioni potrebbero spiegare questo fenomeno unico. Alcune case automobilistiche hanno già abbandonato questo segmento e la loro offerta comprende ormai solo versioni elettrificate. Le auto prodotte a partire dal 2020 erano significativamente più economiche da nuove rispetto a quelle che le hanno sostituite negli ultimi quattro anni. Inoltre, la graduale urbanizzazione dell’Europa potrebbe creare un aumento della domanda di auto compatte.

I clienti pagheranno di più per acquistare per un’auto di lusso. Quasi il doppio.

La perdita percentuale maggiore in assoluto è stata registrata dalla Land Rover Range Rover (58,97%), un SUV di lusso che offre un equipaggiamento ricco e una tecnologia moderna, ma anche motori problematici che, se sottoposti a una cattiva manutenzione, non funzionano a un chilometraggio relativamente basso. D’altra parte, un esemplare di quattro o cinque anni con una perfetta storia di manutenzione offre un’allettante opportunità di acquistare un usato di lusso ad una frazione del prezzo originale.

“Acquistare una Range Rover senza una chiara storia di manutenzione e un corretto intervallo di sostituzione dell’olio motore è un grande azzardo e, ad esempio, la nostra ispezione non approverà un’auto di questo tipo”, afferma Marek Dvořák, responsabile degli acquisti di veicoli di Carvago.

L’Audi Q7 ha invece perso il 52,27% del valore e la BMW il 42,45% (come da analisi per l’anno 2019).

Le compatte economiche

All’altra estremità della classifica troviamo le compatte economiche che, grazie alle dinamiche del mercato dell’usato, negli ultimi anni hanno perso in media dal 3 all’8% del loro valore all’anno. La “runner up” della categoria è la leggendaria Fiat Panda, che ha perso in media meno del 3% del suo valore all’anno. Una delle ragioni di questo fenomeno può essere ricondotta al generale arretramento della categoria con i motori a combustione, interna nelle linee dei produttori.

Nello specifico la Fiat 500 ha perso il 37,14% del valore, seguita dalla Hyundai I20 con il 27,59% e dalla Toyota Yaris con il 26,48%. Fiat Panda ha registrato una perdita del 14,22% (l’anno scelto è il 2019)

“Le dinamiche di perdita di valore sono comprensibilmente maggiori nel primo anno di attività: a partire da questo momento la perdita di valore rallenta nel tempo. Un approccio puramente pragmatico all’acquisto di un’auto, porta a comprare un’auto fresca di tre-cinque anni, che ha già alle spalle la maggiore svalutazione di prezzo” – spiega Antonio Gentile, Country Manager di Carvago in Italia.

Puntare su Smart o Tesla come macchine usate è la giusta mossa

Smart ForTwo EQ e Tesla Model 3 hanno registrato la maggiore perdita di valore nei primi due anni di presenza sul mercato tra gli EV usati più popolari in Italia. Quasi il triplo del deprezzamento del prezzo ha registrato la “propria” Fiat 500e.

Nello specifico la Smart ForTwo EQ ha registrato il 38,52% di perdita del proprio valore, mentre la Tesla Model 3 il 27,86%. A chiudere la classifica la Volkswagen ID.3 con il 16,63% e la Fiat 500e con il 13,81% (l’anno scelto è il 2022).

Leggi ora: le news motori

Ultima modifica: 27 Giugno 2024