Sogefi torna all’utile nel 2021. L’azienda va meglio del settore

431 0
431 0

Sogefi, colosso italiano nel settore della componentistica per auto specializzato in sistemi motore e in componenti per le sospensioni, archivia il 2021 con ricavi a 1.320 milioni, in crescita dell’11%.

E un andamento migliore del mercato in tutte le aree geografiche.

Dati positivi

L’utile netto da attività operative è di 28,6 milioni, a fronte di una perdita di 18,4 milioni nel 2020. L’ebitda margin al 14,6% del fatturato è in aumento rispetto al 2020 (11,5%) e al 2019 (12,1%).

I comparti di Sogefi

La divisione Aria e Raffreddamento si è aggiudicata importanti contratti in Europa, NAFTA e Cina per la fornitura di prodotti di thermal management per la mobilità elettrica, che presentano la caratteristica di incorporare un valore aggiunto maggiore rispetto al valore medio standard dei tradizionali prodotti per motori a combustione interna. Si tratta in particolare di nuovi contratti conclusi con una casa automobilistica tedesca premium per una piattaforma elettrica di nuova generazione, con due produttori di veicoli commerciali elettrici, uno pure electric e l’altro che impiega tecnologia fuel cell, e con diverse case automobilistiche full electric cinesi.

La Filtrazione si è aggiudicata un rilevante numero di contratti per la fornitura di Filtri di purificazione dell’aria. E due importanti contratti in NAFTA per filtri di trasmissione.

Le Sospensioni hanno ampliato il portafoglio clienti. Aggiudicandosi contratti con nuovi clienti focalizzati esclusivamente su prodotti elettrici. La divisione ha inoltre acquisito da clienti storici ordini che verranno prodotti nel nuovo stabilimento di Oradea in Romania. Tra questi vale la pena menzionare il primo contratto firmato con uno dei principali clienti per la produzione di molle elicoidali nell’Europa dell’Est.

Sogefi

Ultima modifica: 28 febbraio 2022