Un sistema digitale gestirà strade e ponti

1288 0
1288 0

Un innovativo sistema digitale centralizzato che consentirà una più efficiente gestione del patrimonio infrastrutturale. Strade e ponti.

La nuova piattaforma per la gestione dei monitoraggi alle infrastrutture della rete e la pianificazione degli interventi di manutenzione verrà presentata il prossimo 21 novembre all’università La Sapienza di Roma nel corso di un convegno tecnico-scientifico dedicato alla gestione ed evoluzione delle infrastrutture stradali esistenti.

Il nuovo sistema, sviluppato da Aspi e IBM, inizierà una prima fase di test entro la fine dell’anno. E consentirà di monitorare in tempo reale tutti gli aspetti e i dati relativi allo stato delle infrastrutture autostradali.

Il software permetterà ai tecnici della società esterna che farà le ispezioni. Sia a coloro che in Aspi pianificano le attività di manutenzione, di consultare lo stato di salute di ogni infrastruttura in modo istantaneo e permanente. Ispezionando l’opera da remoto anche attraverso modelli di realtà aumentata.

Roadmap di circa due anni

Mai realizzato prima in Italia nel campo delle infrastrutture viarie, il sistema prevede una roadmap di circa due anni. Con tre fasi di avanzamento: la prima sperimentazione pratica sarà avviata entro il prossimo dicembre.

I dati, gestiti da un unico sistema centralizzato, daranno vita a una banca dati digitale delle oltre 4300 infrastrutture della rete gestita da Aspi. L’IoT, l’Internet delle Cose, inizia dunque a rivelarsi utile anche in un campo strategico. E sensibile come quello della gestione infrastrutturale.

Ultima modifica: 23 Novembre 2019