«Silk-Faw: quaranta lavoratori senza stipendio»

728 0
728 0

«Si tutelino i dipendenti, senza escludere l’utilizzo degli ammortizzatori sociali». È la richiesta della Fiom di Reggio Emilia a Silk-Faw. I dipendenti della joint venture sino-americana delle supercar elettriche hanno denunciato il mancato pagamento delle ultime tre mensilità di stipendio.

I guai di Silk Sports Car

«Sono circa quaranta i lavoratori di Silk Sports Car (questo il nome dell’attuale ragione sociale, ndr) – recita una nota del sindacato – che con la Fiom hanno deciso di agire prioritariamente in modo collettivo con strumenti sindacali. Senza escludere la extrema ratio delle iniziative legali individuali».

Situazione delicata

Nelle settimane scorse alcuni lavoratori si sono dimessi per giusta causa e la Fiom Cgil ha chiesto all’azienda di valutare un «diritto di riassunzione futura» alle medesime condizioni per chi nel frattempo fosse uscito o in procinto di farlo. Silk-Faw dopo aver annunciato un anno e mezzo fa che si sarebbe insediata a Reggio con uno stabilimento produttivo, non ha finora dato seguito alle promesse.

Leggi ora: tutte le news su Silk Faw

Ultima modifica: 12 settembre 2022