Silk Faw, il polo delle supercar a Reggio Emilia sarà realizzato sul progetto dello studio Geza

3106 0
3106 0

La dimora reggiana di Silk Faw, dove verranno prodotte le supercar elettriche di ultima generazione, inizia a prendere forma.

Silk-Faw, la sede nelle ex Reggiane «Uffici in due capannoni riqualificati»
Hongqi S9 – Silk Faw «La prima hypercar pronta entro il 2023»

Ieri, al Tecnopolo di Reggio Emilia, è stato premiato il progetto vincitore. Sette studi di architettura hanno sfoderato le idee più creative, per aggiudicarsi il titolo di realizzatori del nuovo stabilimento. A spuntarla sugli avversari (Elastico Farm, Iosa Ghini Associati, Labics, Peluffo & Partners, Piuarc, Cino Zucchi Architects) è stato lo studio udinese Geza.

Jonathan Krane, Presidente di Silk EV

Nella giuria che ha valutato ogni progetto c’era anche il presidente della società sino-americana, Jonathan Krane, insieme al designer ideatore dell’auto elettrica sportiva ‘Hongqi S9’, Walter De Silva, e il professore di Composizione Architettonica all’università di Parma, Carlo Quintelli, che ha gestito il concorso.

Hongqi S9, la supercar che nascerà nella Motor Valley
Hongqi S9 e Walter De Silva

«Credo che i valori aggiunti del nostro progetto siano la semplicità e l’ordine con cui sono state interpretate le richieste del committente» ha commentato Piero Zucchi, uno dei due soci fondatori della studio Geza.

Le aspettative sulla nuova sede erano un connubio tra senso di innovazione tecnologica, rispetto della storia del territorio reggiano e, non di meno, un occhio ’green’ alla sostenibilità.

«Lo stabilimento si basa su due assi – ha spiegato Zucchi –. Quello blu rappresenta lo spazio dedicato all’innovazione, quindi un’area più privata dell’azienda, mentre l’altro asse, che abbiamo chiamato ’dell’esperienza’, sarà dedicato alle relazioni esterne, con clienti e partners».

Dove i due assi, o potremmo dire le due anime dell’impresa, si incrociano: lì c’è il cuore tecnico di Silk Faw. Non ultimo tra i criteri di selezione del progetto: le idee architettoniche dovevano ispirarsi anche al modello di supercar ideato da De Silva.

Proprio ieri il designer di fama mondiale ha illustrato, dalle prime bozze di disegni a un video che mostra la Hongqi S9 su strada, tutti gli aspetti tecnici ed estetici della sua creazione, le valutazioni fatte per arrivare a comporre un modello di auto che unisse in sé l’idea di dinamicità ed eleganza. Una potenza dosata: «Perché per dare forza a un veicolo – ha detto – non necessariamente bisogna essere arroganti».

Per la prima volta Jonathan Krane ha incontrato le istituzioni locali dal vivo. Da remoto invece hanno preso la parola anche Wang Guoqiang, Faw Party Secretary, e Li Wei, vice governatore della Provincia di Jilin.

All’evento erano presenti anche il sindaco di Reggio, Luca Vecchi, e l’assessore regionale allo sviluppo economico, Vincenzo Colla. «Daremo vita a un nuovo modello imprenditoriale che a mio avviso sarà da esempio in futuro», ha detto Krane.

Due supercar costruite a Reggio Emilia

I lavori di costruzione del nuovo stabilimento partiranno a inizio 2022 e dureranno un paio di anni. «Subito dopo – ha aggiunto il presidente – daremo il via alla produzione della linea S9 e S7».

Giulia Beneventi

Leggi ora: Silk Faw, tutte le notizie

Ultima modifica: 26 Giugno 2021