Salone dei Camper di Parma 2022, informazioni e date

1502 0
1502 0

Il Salone dei Camper di Parma 2022 è in piena fase di sviluppo, forte del travel trend del 2022. Il turismo all’aria aperta ha avuto un’impennata nel 2021 e quest’anno è destinato a segnare il boom della vacanza in camper. I numeri parlano chiaro. Le nuove immatricolazioni, secondo i dati di APC, Associazione Produttori Caravan e Camper, nel 2021 hanno raggiunto le due cifre, passando dal +7,68% del 2020 al +11,92% del 2021.

Salone del Camper di Parma

Segnale inequivocabile che non si parla più di una moda, ma di uno stile di vita che sta prendendo sempre più piede. È in questo scenario che il Salone del Camper torna a Parma dal 10 al 18 settembre 2022. La macchina organizzativa è partita e i principali brand del settore si sono già accreditati. Al via anche le attività di avvicinamento alla 13^ edizione: il primo SaloneDelCamper LAB-Webinar ha puntato i riflettori sull’importanza di investire in aree di sosta innovative e digitalizzate come spinta economica per i territori.

Organizzato con APC, Associazione Produttori Caravan e Camper, il Salone del Camper è uno dei principali eventi internazionali di settore. 100 mila metri quadri di superficie espositiva per 5 padiglioni che ospitano 4 aree merceologiche: Caravan e Camper, dove sono presenti le più importanti aziende europee del settore; Accessori per i veicoli e complementi utili a rendere ancora più confortevole la vacanza; Shopping, con prodotti per la vita outdoor e per i piccoli spazi; Percorsi e mete, sezione di promozione turistica per conoscere luoghi e destinazioni ideali per il turismo in libertà.

Turismo outdoor, volano economico per i territori

La vacanza in camper sta diventando sempre più protagonista perché è in grado di intercettare un tipo di turismo diversificato. Coinvolge chi ama passare il tempo libero nella natura, unisce lo sport alla vacanza, è di prossimità, ma anche di scoperta e si amplia sempre di più verso una platea giovane.

Antonio Cellie

“Il turismo negli ultimi anni ha subito delle profonde mutazioni – spiega Antonio Cellie, Amministratore Delegato Fiere di Parma -. È diventato sempre più di scoperta e il “dove” ha lasciato il posto al “come” in particolare alla voglia di sperimentare e rigenerarsi anche percorrendo brevi distanze. Il camper è lo strumento ideale di questa domanda e si trasforma in un volano importante per l’economia dei territori, anche quelli lontani dalle principali mete turistiche. In questo scenario cresce l’attenzione per i modelli più compatti. Si sta sviluppando infatti una Van generation che sceglie questa tipologia di mezzi come prima o seconda auto perché agili e compatibili ma con utilizzi multipli. Il Salone del Camper da sempre intercetta i trend turistici emergenti e rappresenta le potenzialità del mercato dei veicoli ricreazionali”.

Camper, boom di vendite nel 2021

E’ uno dei comparti industriali più vivaci e in salute. Il settore della camperistica sta vivendo un momento d’oro. Nel 2021 le immatricolazioni di nuovi camper hanno segnato una crescita dell’11,92%, andando a superare il trend già positivo del 2020 che si era assestato al +7,68%. Sul fronte della produzione l’Italia si conferma terzo produttore europeo di camper, dopo Germania e Francia, con un incremento produttivo, nel 2021, del 33,88% rispetto al 2020 e con un export che supera l’80%. 

Un trend che segue la curva delle nuove esigenze del turismo, particolarmente rivolto all’outdoor. “Il camper sta diventando sempre più uno strumento per godersi il tempo libero tutto l’anno – sottolinea Simone Niccolai, presidente APC, Associazione Produttori Caravan e Camper – I produttori di camper stanno facendo tutto il possibile, anche effettuando nuovi investimenti, per soddisfare la crescente domanda di camper e caravan proveniente dai diversi mercati europei”. 

Simone Niccolai

Salone del Camper, a Fiere di Parma dal 10 al 18 settembre 2022

Tutte le novità sul mondo del camper, caravan, componentistica e accessori si troveranno al Salone del Camper di Parma, dal 10 al 18 settembre 2022. 

Le principali aziende produttrici di camper e caravan hanno già dato la loro adesione: Adria, Arca, Autostar, Benimar, Blue Camp, Caravans International, Carthago, Challenger, Chausson, Dreamer, Elnagh, Eura Mobil, Font Vendome, Frankia, Giottiline, Itineo, Karmann, Knaus Tabbert, Malibu, McLouis, Mobilvetta, Panama, Pilote, Poessl Freizeit und Sport, Rapido, Reimo, Rimor, Roller Team, Top Group, Vantourer, Westfalia Mobil, XGO. 

Tra le aziende produttrici di accessori e componentistica hanno confermato tra gli altri la loro partecipazione: Brunner, CBE, Dimatec, Dometic, Euro Accessoires, Fiamma, Garmin, Ges International, Indel B, Narbonne, SI.FI., Teleco, Truma, Vitrifrigo, Vecamplast, Webasto.

Il Salone del Camper è la vetrina ideale per chi cerca il mezzo più adatto alle proprie esigenze. Le diverse soluzioni possono essere toccate con mano, visionando nel dettaglio le proposte delle case produttrici. Tra i mezzi più ricercati dalle famiglie spiccano i camper mansardati. I più giovani e chi ama i viaggi itineranti e avventurosi preferiscono i van e i semintegrati. La caravan è l’ideale per chi ha la possibilità di concedersi vacanze più lunghe. Lussuosi motorhome per chi vuole il massimo comfort in ogni momento. Uno spazio speciale è riservato alla tenda, primo approccio all’abitar viaggiando.

Il Salone del Camper è ormai un punto fermo per chi ama il turismo all’aria aperta, non solo per i camperisti. Un’area particolarmente amata è infatti Percorsi e mete, che intercetta tutti i turisti che ricercano nuove idee di viaggio. Vengono presentati itinerari ideali per il turismo in libertà, idee per turismo di prossimità, weekend insoliti o viaggi più avventurosi. Agli itinerari si affiancano proposte per rendere ancora più coinvolgente la vacanza, come gli sport outdoor, dal trekking ai percorsi su due ruote. 

Aree sosta camper tra digitalizzazione e PNRR. I risultati del SalonedelCamper LAB-Webinar

Oltre 250 persone, tra amministratori, imprenditori e stampa si sono iscritti al primo LaB-Webinar di avvicinamento al Salone del Camper di Fiere di Parma, “Perché e come realizzare un’area sosta camper, come comunicarla e renderla sempre più digitale”. A entrare subito nel vivo dell’argomento Ludovica Sanpaolesi, direttore APC, Associazione Produttori Caravan e Camper, elencando 8 buoni motivi che dimostrano l’utilità di investire nelle aree di sosta a partire dai numeri.

Sono 20 milioni i turisti itineranti in Europa, con un parco circolante di oltre 6 milioni di veicoli tra camper e caravan. Un tipo di turismo che va catturato, perché alto spendente, che ama scoprire nuovi territori, borghi e piccole città, acquistare e provare i prodotti del territorio, valorizzando ristoranti, cantine e agriturismi che li accolgono. Il camper inoltre è lontano dallo stereotipo di vacanza classica e viene utilizzato molto per il tempo libero: si stima che in media l’utilizzo sia di 79 giorni all’anno, potendosi spostare facilmente anche all’ultimo minuto nei weekend, ponti, feste. Accogliere i camperisti significa quindi anche destagionalizzare il turismo, anticipando e prolungando la stagione. 

I territori che cercheranno di intercettare questo turismo faranno quindi un investimento per il futuro. Giorgio Palmucci, Presidente Enit, ha sottolineato l’importanza di nuove strutture sempre più innovative e digitalizzate per il turismo outdoor, che negli ultimi anni ha dato respiro al settore. Una necessità condivisa anche da Ilaria Realfonzo, dirigente del Ministero del Turismo, che ha illustrato le opportunità offerte dal PNRR per il turismo all’aria aperta.

Ne è convinto anche Gianluca Tomellini, Vice Presidente AIASC, Associazione Italiana Aree Sosta Camper, che si è soffermato su 4 punti chiave fondamentali per le aree di sosta di nuova concezione, che dovranno essere: attrattive, funzionali, digitali e sostenibili. Dovranno puntare sulla domotica, con videosorveglianza e controllo degli accessi automatizzato tramite App. La digitalizzazione rientra anche nel PNRR, diventa quindi prioritario utilizzare questa opportunità per incrementare l’attrattività del sistema turistico attraverso la modernizzazione delle infrastrutture e il potenziamento delle strutture ricettive. 

Quattro le case history di successo presentate

Roberto Iezzi, dell’Assessorato al Turismo della Regione Abruzzo, ha presentato la creazione di una piattaforma digitale dedicata al Turismo itinerante e il progetto di una App con percorsi che accompagnino alla scoperta del territorio, collegando le aree di sosta. Gabriele Baldaccini, Assessore al Turismo Comune di Camaiore, Elizabeth Vargiu, Assessore al Turismo Comune di Tempio Pausania, Franco Ceregioli, Vicesindaco Comune di Sarnano, hanno sottolineato l’importante ritorno economico avuto dal territorio con la realizzazione di un’area di sosta alle porte della città.

Ultima modifica: 5 aprile 2022

In questo articolo