Ricavi e profitti volano, Ferrari alza il target

204 0
204 0

Conti Ferrari a tutto gas. Il Cavallino rampante chiude un altro trimestre positivo con un utile netto di 251 milioni, in crescita del 22% rispetto allo stesso periodo di un anno fa, e rivede al rialzo le stime per l’intero anno. I ricavi netti sono aumentati del 24,9% a 1,291 miliardi, con le consegne salite del 28,7% a 3.455.

Tutte le aree geografiche vanno bene: l’Emea registra un aumento del 4,5%, le Americhe del 62,2%, la Cina Continentale, Hong Kong e Taiwan sono più che raddoppiate (+115,7%), in linea con la forte domanda, e il resto dell’Apac è cresciuto del 21,4%. Per il 2022 i ricavi sono attesi a 4,9 miliardi, mentre la precedente stima era di 4,8 miliardi.

«Stiamo avanzando nel nostro viaggio per l’elettrificazione» commenta l’amministratore delegato Benedetto Vigna, che conferma il lancio del Purosangue a settembre con l’avvio delle vendite all’inizio del 2023.

«La Ferrari è molto ben posizionata per affrontare la transizione tecnologica. L’elettrificazione rappresenta una grande opportunità per rispondere alle esigenze dei clienti e per continuare a realizzare Ferrari uniche».

Ferrari SF90 Spider, prova dell'ibrida scoperta da 1.000 cavalli - livrea giallo Montecarl
Ferrari SF90 Spider, qui la prova di QN Motori della hypercar ibrida 

Le novità dei prossimi anni

Arriverà, invece, nel 2025 il primo modello completamente elettrico. Tra i nuovi modelli previsti entro il 2026 ci sarà la nuova supercar, «un capolavoro di innovazione, design e performance».

Vigna spiega che l’azienda sta lavorando sul risparmio di energia e che già si è ridotto del 3% il fabbisogno energetico per produrre una singola vettura, con l’obiettivo di arrivare a un calo del 5% entro fine anno. Per fronteggiare la crescita dei costi all’inizio del prossimo anno la casa di Maranello aumenterà i prezzi.

Leggo ora: Piero Ferrari “Vi racconto mio padre Enzo Ferrari: ogni sabato mi portava Topolino”

Ultima modifica: 3 agosto 2022