Nella sfida verde l’ecologia è alleata con il marketing

488 0
488 0

La certezza che l’elettrico fa sul serio arriva dalle due auto che presentiamo in questi giorni. Se Mercedes e Audi decidono di virare in modo così deciso verso la mobilità a impatto zero, significa che la via del futuro è segnata.

Leggi ora: Mercedes EQA, primo test su strada del Suv elettrico

Mercedes EQA, elettrica da 426 km di autonomia. Prezzo da 50.190 euro
Mercedes EQA

Anche perché l’uscita di nuovi modelli elettrici si accompagna a una nuova filosofia aziendale, che prevede il progressivo azzeramento dei fattori inquinanti nella catena che porta alla produzione dei veicoli. dalle fabbriche fino ai fornitori chiamati a far parte di un ciclo sostenibile.

Leggi ora: Audi Q4 e-tron, prima mondiale a Milano

Non si tratta solo di belle parole o facili slogan, sono obiettivi concreti che i grandi gruppi dell’automotive perseguono con convinzione.

La rivoluzione elettrica si porta dietro anche un pensiero ambientalista, una decisa virata verso la salvaguardia del mondo che verrà, insidiato da fattori di inquinamento che devono essere drasticamente ridotti.

A questa prospettiva virtuosa si sommano le operazioni di marketing, che possono moltiplicare le vendite di auto elettriche.

Audi Q4 e-tron e Q4 Sportback e-tron, Suv elettrici rivali di Tesla Model Y
Audi Q4 e-tron

Le proposte speciali di Mercedes e Audi per la guida elettrica

Audi, ad esempio, affianca alla vendita tradizionale un noleggio a lungo termine con rate da 499 euro che comprende una capillare assistenza al cliente che sceglie di guidare elettrico. Dal montaggio della wall-box a un anno gratuito di ricariche, fino all’auto sostitutiva.

E Mercedes vara un test-drive specifico per chi sceglie la sua EQA. Gli consegna l’auto a casa e la lascia disposizione per una prova prolungata di 24 ore. Con puntuali indicazioni telefoniche di un addetto della concessionaria circa le modalità di guida dell’auto e le sue caratteristiche tecniche.

Il solco della nuova era è tracciato.

Giuseppe Tassi

Ultima modifica: 26 aprile 2021