Kia Sportage Plug-in Hybrid, come va il Suv coreano alla spina

1102 0
1102 0

Kia Sportage Plug-in Hybrid, la versione elettrificata alla spina è la punta di lancia della gamma del rinnovato Suv coreano. La top di gamma della quinta generazione mette sul piatto i suoi 265 cavalli di potenza di sistema.

Con il plus della trazione integrale, disponibile anche sulla Diesel e benzina la elettrificazione leggera a 48V. Ma è la Phev il pezzo forte.

Leggi ora: Kia Sportage Diesel, prova del Suv a gasolio. Pregi e difetti

In grado di spostarsi per lunghi tratti in elettrico grazie alla batteria da 13,8 kWh. Servono sette ore circa di ricarica domestica per ripristinarla. Due invece quando si può usatre il caricatore di bordo da 7,2 kW, che è di serie.  

Spicca per il doppio motore, il 1.6 benzina da 180 cavalli e l’elettrico da 91, il tutto a basse emissioni, 25 g/km di CO2 dichiarati nel ciclo combinato.

La tecnologia costa  la Sportage testata  nell’allestimento di vertice GT-Line Plus va ben oltre il 50.000 euro. Offre una ricchissima dotazione di serie, con l’aggiunta del Premium Pack – sedili anteriori ventilati in pelle con inserti in tessuto scamosciato, poltrona lato guida regolabile elettricamente con funzione di memoria – diventa full optional. Nulla da dire, c’è tutto, a livello sicurezza, comfort, anche la vernice bicolore e il tetto apribile nella dotazione, e intrattenimento: senza pecche.

Lunga 4,5 metri dispone di una buona abitabilità, anteriore e posteriore, una plancia d’effetto, col doppio schermo da 12,3 pollici per strumentazione, infotainment e finiture all’altezza di livello.

Completa anche la dote di sistemi di assistenza alla guida. Il bagaglio varia di qualche litro rispetto alle altre motorizzazioni, nulla di decisivo: resta più che accettabile.

La potenza è notevole. I cavalli spetto alla Diesel sono quasi il doppio, 129 in più. Anche la coppia 350 Nm contro 320. Rovescio della medaglia, Kia Sportage Plug-in Hybrid pesa 243 kg in più rispetto alla versione a gasolio.

Recupera dinamismo grazie alle quattro ruote motrici.L’assetto è un po’ rigido rispetto alla Diesel, ma il comfort e la silenziosità sono molto buoni. Si tratta di una vettura con un potenziale prestazionale, ma non aggressiva. La vocazione è per i viaggi, con le scorribande.

Dispone della modalità Terrain, dedicata alle Sportage a trazione integrale a inserimento automatico, che offre tre modalità per fango, neve e sabbia. Buona per un fuoristrada non estremo.

Funziona bene il cambio automatico a convertitore di coppia a sei marce. Ottime, per la categoria l’accelerazione e la ripresa. La batteria permette di una percorrenza solo elettrica reale vicina i sessanta chilometri. Meno dei 70 dichiarati, ma più che soddisfacente, se si viaggia tranquilli.

Conviene?

Giocoforza per avere una reale efficienza, bisogna ricaricare l’accumulare ogni volta che si può. Il serbatoio di benzina ha una capacità di 42 litri (circa 10 in meno rispetto alle altre versioni) che permette di muoversi con tranquillità. In un ciclo combinato si riescono a fare sempre i 20 km/litro, anche su percorrenza da 150 km, se si parte con la batteria carica.

Kia Sportage Plug-in Hybrid costa circa 6.000 euro in più rispetto alla versioni full hybrid e Diesel muld hybrid, entrambe senza ricarica. Una forbice da valutare con attenzione, considerano esigenze personali e familiari e imposizioni delle amministrazioni.

Leggi ora: Kia Niro, tutte le novità e le informazioni sul crossover di sostanza

Ultima modifica: 3 Ottobre 2022

In questo articolo