Interpol bracca Ghosn, estradizione improbabile. La fuga resta un mistero

1556 0
1556 0

Perquisizioni in Giappone, fermi in Turchia, una richiesta di arresto da parte di Interpol. Ma la fuga di Carlos Ghosn da Tokyo e il suo arrivo a Beirut rimangono avvolte nel mistero.

Leggi anche: la beffa dell’evasione di Ghosn

Il triangolo Giappone-Libano-Francia

Il Libano non ha un trattato di estradizione con il Giappone. Mentre la Francia, di cui l’ex presidente di Renault-Nissan ha la cittadinanza, ha chiarito che se dovesse entrare nel Paese non verrebbe riconsegnato.

Leggi anche: il violoncello di Ghosn

L’ex magnate dell’automobile caduto in disgrazia – che è anche cittadino del Brasile e del Libano – cerca di allontanare i sospetti di complicità nella fuga di membri della sua famiglia.

Ma alcuni giornali, tra cui il Financial Times e il Wall Street Journal, sostengono che dal Libano sarebbero arrivate forti pressioni per il ritorno di Ghosn.

Carlos Ghosn ritorna in carcere
Foto: LaPresse / Photo by Kazuhiro NOGI / AFP

Ultima modifica: 3 Gennaio 2020