Fiat Tipo per i Carabinieri, 1.300 esemplari con allestimento speciale

496 0
496 0

Sono 1.300 le Fiat Tipo in consegna all’Arma dei Carabinieri.  La fornitura prevede un accordo quadro di noleggio, opzione esercitata per avere a disposizione mezzi efficienti senza immobilizzare capitali, attraverso il partner Leasys.

Fiat Tipo Carabinieri

Fiat Tipo dei Carabinieri, un allestimento specifico

Spicca la classica livrea istituzionale Blu Arma con tetto bianco. Si tratta di Fiat Tipo cinque porte con il motore Diesel 1.6 Multijet da 130 cavalli.

L’allestimento delle vetture è stato sviluppato in modo specialistico secondo le richieste dell’Arma. Buona parte dei componenti che trasformano la Tipo in un mezzo speciale sono prodotti nello stabilimento di Mirafiori, e sempre a Mirafiori vengono assemblati. Tra le dotazioni specifiche spiccano la coppia di lampeggianti su tetto abbinati al faro brandeggiante; i led su calandra, portellone interno e laterali rispetto al portatarga, e la sirena bitonale.

L’abitacolo prevede la predisposizione Radio Carabinieri, un altoparlante aggiuntivo sotto plancia e un’antenna specifica con botola per l’ispezione. La plancetta comandi sul tunnel è dotata di tasti retroilluminati, e il montante anteriore prevede la luce leggi mappa.

Sotto i sedili trovano spazio due porta arma bivalenti, oltre a porta cartelle, due torce, una rete porta tablet, due porta tonfa e due porta paletta.

Il vano baule ospita un piano scrittoio scorrevole, una plafoniera specifica e una presa di corrente da 12V. Non mancano ovviamente cassetta pronto soccorso, estintore da 2 kg, tappeti in gomma anteriori e posteriori con bottoni sull’anteriore, fodere amovibili per i sedili posteriori e catene da neve autotensionabili.

Stellantis fornisce ai Carabinieri, quali Alfa Romeo Giulia e Jeep Renegade. Il connubio specialmente con i Marchi italiani, ha preso il via negli anni Cinquanta: tra le famose “gazzelle” dell’Arma, infatti, c’è sempre stata una vettura Fiat, Alfa Romeo o Lancia.

Leggi ora: Stellantis sospende la produzione in Russia

Ultima modifica: 20 aprile 2022

In questo articolo