Ferrari 499P, la hypercar che riporta la Rossa alla 24 Ore di Le Mans | VIDEO

4699 0
4699 0

Ferrari 499P, ecco il bolide che riporta la Rossa alla 24 Ore di Le Mans.  La nuova Le Mans Hypercar (LMH) segna il ritorno della Casa di Maranello. nel mondiale endurance FIA WEC nella classe regina a partire dal 2023.

A questi livelli il Costruttore ha ottenuto 22 titoli mondiali e 9 vittorie assolute alla 24 Ore di Le Mans.

Con un nome che evoca il  passato. I prototipi Ferrari avevano nella sigla che li identificava la lettera P. Spesso anticipata dal numero della cilindrata unitaria del motore.

Ferrari 499P

In gara il 17 marzo 2023

La livrea con cui la 499P debutterà nella prossima 1000 Miglia di Sebring, riprende il celebre schema cromatico già introdotto nelle 312 P a cavallo tra gli anni Sessanta e Settanta. Sottolinea il collegamento con una storia interrotta 50 anni fa, ma sempre presente nel retaggio

Ferrari 312 P (1969)

Il numero 50 sarà uno dei due con cui saranno iscritte le vetture di Maranello nel mondiale. L’altro sarà il 51, tra i più vincenti di sempre. Gli equipaggi ufficiali che porteranno in gara la 499P saranno annunciati prossimamente.

Le parole di John Elkann, Ferrari Executive Chairman

La 499P ci permette di tornare a competere per la vittoria assoluta nel mondiale endurance. Quando abbiamo deciso di impegnarci in questo progetto, abbiamo seguito un percorso di innovazione e sviluppo fedele alla nostra tradizione. Che vede la pista come terreno ideale per sperimentare soluzioni tecniche di avanguardia, prima di trasferirle nelle nostre vetture stradali. Abbiamo affrontato questa sfida con umiltà. Consapevoli di una storia che ci ha permesso di conquistare più di 20 titoli mondiali e 9 vittorie assolute alla 24 Ore di Le Mans”.

Ferrari 499P, come è fatta

Il prototipo è stato sviluppato seguendo i dettami tecnici previsti dal regolamento della classe Le Mans Hypercar. Che prevede l’utilizzo nel FIA World Endurance Championship di vetture con propulsori ibridi, dotate della trazione integrale. E con un peso minimo non inferiore a 1.030 kg.

Il powertrain ibrido della 499P combina un motore termico, dislocato in posizione centrale- posteriore, a un motore elettrico, sull’asse anteriore.

L’unità ICE – Internal Combustion Engine – ha una potenza massima a terra, limitata dal regolamento, di 500 kW (680 cavalli). Deriva dalla famiglia dei V6 biturbo stradali.

Anima termica …

Condivide l’architettura del propulsore montato sulla 296 GT3,  sottoposto a una profonda rivisitazione da parte dei tecnici di Maranello. Finalizzata sia allo sviluppo di soluzioni ad hoc per il prototipo, sia all’alleggerimento complessivo.

Tra le caratteristiche specifiche del sei cilindri a “V” della Ferrari 499P, inoltre, il fatto che l’unità motrice sia di tipo portante e quindi svolga una preziosa funzione strutturale, rispetto alle versioni che equipaggiano le granturismo da competizione, dove il motore è montato sul telaio.

… e anima elettrica.

L’ERS – Energy Recovery System – eroga una potenza massima di 200 kW (272 Cv), un motore elettrico dotato di differenziale la cui batteria si ricarica nelle fasi di decelerazione e frenata. Non richiede di fonti d’alimentazione esterne. Il pacco batterie, con tensione nominale di 900 Volt, beneficia dell’esperienza maturata in Formula 1 sebbene sia stato sviluppato specificatamente per questo progetto. Il motopropulsore è accoppiato a un cambio sequenziale a sette rapporti.

Il tocco del Centro Stile Ferrari e le altre tecnologie

Le linee sono state finalizzate con il coinvolgimento del Centro Stile Ferrari, sotto la direzione di Flavio Manzoni, esalta tecnica ed aerodinamica della vettura, attraverso forme semplici e sinuose, espressione esplicita del DNA del Marchio.

Realizzata a partire da un telaio monoscocca in fibra di carbonio,  Ferrari 499P si caratterizza per soluzioni che rappresentano l’avanguardia nel campo delle tecnologie applicate al motorsport.

La geometria delle sospensioni, a triangoli sovrapposti di tipo “push-rod”, permette di raggiungere doti di rigidezza che si traducono in prestazioni di rilievo, che si evidenziano tanto alle velocità assolute più sostenute quanto nella percorrenza delle curve.

Il comparto elettronico mutua e sposta ulteriormente in avanti l’esperienza maturata nelle competizioni con le vetture GT.

Ferrari 499P, la galleria fotografica

Leggi ora: Ferrari 296 GTS, la prova su strada della spider da sogno

Ultima modifica: 31 Ottobre 2022

In questo articolo