Contenimento costi energia e gas naturale, Federmetano in audizione sul Decreto Energia presso le Commissioni riunite Ambiente e Attività Produttive della Camera dei Deputati

724 0
724 0

Federmetano è intervenuta durante l’audizione informale presso le Commissioni riunite Ambiente e Attività Produttive della Camera dei Deputati, in merito al disegno di legge di conversione del D.L. n°17 del 2022 (c.d. Decreto Energia) riguardante misure urgenti per il contenimento dei costi dell’energia elettrica e del gas naturale, per lo sviluppo delle energie rinnovabili e per il rilancio delle politiche industriali.

Dante Natali nuovo presidente Federmetano
Dante Natali

Le parole di Dante Natali – Presidente Federmetano – nel corso dell’audizione.

Da sei mesi i nostri operatori combattono e convivono con una crisi tale che li ha costretti a più che raddoppiare il prezzo di vendita al pubblico del metano per autotrazione. Situazione, già insostenibile, che si è ulteriormente aggravata a causa della guerra in Ucraina“.

Il principale provvedimento, che chiediamo da ottobre al Governo, è una riduzione dell’Iva dal 22 al 5% (già accordata agli usi civili e industriali) anche per il metano uso autotrazione. Un provvedimento con un onere a carico dell’erario irrisorio, soprattutto se confrontato con quello relativo all’adozione della medesima misura per gli usi civili e industriali e pari a 600 mln di euro“.

L’intervento sull’Iva ci consentirebbe di attuare una immediata riduzione del prezzo all’utenza, composta di oltre 1 milione di famiglie a medio e basso reddito. È necessario, pertanto, riconoscere una agevolazione a una fascia della popolazione più in difficoltà di altre, agevolazione che fino a oggi il Governo sta ingiustamente rifiutando“.

Parliamo di un comparto che conta oltre 1.500 punti vendita, che distribuiscono su tutto il territorio nazionale non solo metano di origine fossile ma – per il 30% – biometano, carburante 100% rinnovabile che deriva dall’upgrading dal biogas prodotto da matrici quali FORSU, fanghi di depurazione, reflui zootecnici, scarti agricoli e biogas di discarica e che in pochi anni potrebbe sostituire totalmente il gas naturale di origine fossile, rispondendo anche alla necessità di limitare la nostra eccessiva dipendenza energetica dall’estero“.

Ricordo poi che questa infrastruttura è già pronta per distribuire anche idrogeno e, dunque, doppiamente necessaria per la decarbonizzazione che l’Italia, come gli altri paesi europei, è tenuta a traguardare. Infrastruttura che, se non sarà tutelata oggi, sarà da ricostruire domani con costi per lo Stato enormemente superiori”,

Leggi ora: tutte le news su Federmetano

Ultima modifica: 11 marzo 2022