Citroen C5 Aircross PHEV, un Suv per e famiglie

1481 0
1481 0

Citroen C5 Aircross PHEV offre un pacchetto interessante. Adeguato ai tempi, poiché l’auto da famiglia è cambiata negli anni. Si viaggia preferibilmente a ruote alte, con i Suv, cercando il plus di comfort ed efficienza.

Chi cerca la vita comoda, con il brio della elettrificazione va sul sicuro con la proposta del double chervon. Lo sport utility francese di stazza media, 4,50 metri di lunghezza, ma di grande ospitalità, si rinnova nella forma e nella sostanza.

Disponibile nelle versioni termiche, Diesel e benzina, entrambe da 131 cv, che rappresentano ottime opzioni, ma il “cuore” è nella versione di punta. La C5 Aircross ibrida plug-in, che per Citroen nel 2019 ha rappresentato il primo storico passo nei modelli elettrificati e ricaricabili.

E’ spinta dal 1.6 benzina da 180 cv e dal motore elettrico da 80 KW abbinati al cambio automatico e alla batteria da 13,2 kWh. Il gruppo motopropulsore, gestito dal cambio automatico a otto marce, eroga 225 cavalli di potenza di sistema e 360 Nm di coppia. Numeri importanti che permettono una marcia sempre fluida e una risposta pronta. Con una autonomia elettrica dichiarata di 55 km. 

Dopo tre anni cambia aspetto, l’impatto del frontale è più scolpito e robusto, con i nuovi fari a led a forma di V orizzontale, il logo Chevron, la griglia con effetto tridimensionale,  al paro anche dei nuovi gruppi ottici posteriori. Dettagli che cambiano l’aspetto, mentre in abitacolo l’accoglienza è regale.

L’asso nella manica sono i sedili Advanced Comfort, con la schiuma ad alta densità nella parte centrale per sostenere e un secondo strato superiore più morbido che ha uno spessore di 1,5 cm per coccolare. Sono sempre al vertice, sintesi unica di comodità e postura. Con l’eccellente seconda fila interamente scorrevole di 15 centimetri: tre sedili indipendenti, anche reclinabili a tavolino.

Il bagagliaio varia da 460 a 600 litri, con 5 persona a bordo sulla versione elettrificata. Lo spazio a bordo, anche per cinque persone, è notevole per una vettura lunga quattro metri e mezzo.

La C5 Aircross ibrida alla spina offre di serie la nuova plancia digitale. Con schermo da strumentazione da 10 pollici e il nuovo display centrale rialzato da 12”3. La confidenza col sistema è buona, inoltre non c’è più la leva del cambio, ma un piccolo e rapido selettore. 

È piacevolissima da portare sui tragitti autostradali. Ben supportata da venti sistemi di sicurezza alla guida e scorrevole anche in città, grazie anche a uno sterzo molto docile.

In curva il rollio è percepibile, ma bisogna anche valutare l’altezza da terra di 23 centimetri che permette di muoversi con tranquillità anche su fondi non omogenei. Ottimo il lavoro delle sospensioni con smorzatori idraulici progressivi. Il powertrain elettrificato lavora bene. La riserva di potenza c’è sempre.

Citroen C5 Aircross plug-in hybrid parte da 43.350 euro, ricca di dotazione e con 94 cavalli in più, oltre alla guida parziale a zero emissioni, rispetto a benzina e Diesel. La forbice nel listino di circa 8.000 euro rispetto alle altre motorizzazioni risiede nel consistente vantaggio tecnologico, un plus da valutare.

Il nuovo grande display

Il nuovo Touch Pad da 10” sembra sospeso sulla plancia. Più grande rispetto alla serie uscente, migliora l’ergonomia offrendo un accesso diretto ai comandi della climatizzazione. E un angolo di lettura più alto che permette al conducente di mantenere lo sguardo sulla strada.

Gli aeratori sono ora situati sotto lo schermo.  Hanno un aspetto più moderno con un nuovo design orizzontale dalle linee tese. Il quadro strumenti digitale da 12,3″ è totalmente personalizzabile. Permette al guidatore di avere nel suo campo visivo ampio.

Sistemi di assistenza alla guida

Spicca l’Highway Driver Assist, sistema di guida autonoma di livello 2. Che abbina il Regolatore della velocità attivo con funzione Stop & Go con l’Avviso attivo di superamento involontario della linea di carreggiata. E fornisce una maggiore sensazione di sicurezza grazie al costante supporto fornito.

Tre anime

Sulle versioni plug-in Hybrid, la scelta è intuitiva della modalità di guida desiderata: Electric, Hybrid o Sport. Il selettore di marcia e-Toggle , al posto della leva del cambio, è posizionato idealmente sotto la mano del conducente.

Benvenuti a bordo

Quattro nuovi ambienti Advanced Comfort propongono un’accoglienza personalizzata. Oltre a quello di serie ci sono il Wild Black, con tessuto strutturato nero, l’Urban Black in Alcantara nero. Il Metropolitan Black con una pelle pieno fiore nera. E l’ Hype Black con una combinazione tra la pelle traforata Paloma e la pelle Nappa blu.

Leggi ora: Citroen C5 X, la prova di QN Motori

Ultima modifica: 13 Ottobre 2022