Bosch, prospettive per le auto sportive a idrogeno con motore tradizionale

496 0
496 0

Non solo batterie, affidare l’auto a una sola tecnologia potrebbe non essere una strada virtuosa. C’è futuro a lungo termine per i motori endotermici? Secondo Bosch, sì, le auto sportive a idrogeno hanno un senso.

Le parole di Johannes-Joerg Rueger, presidente di Bosch Engineering, al Motor Valley Fest

 “Le auto sportive sono sinonimo di prestazioni, di rombo del motore, di divertimento nella guida. In una sola parola, di emozioni. Alla base di queste emozioni, non ci sono solo la progettazione, ma anche il powertrain e il software. La scelta radicale di modelli al 100% elettrici può essere presa da una start-up che inizia oggi un’avventura in questo settore”, ma che non è compatibile con la storia, la tradizione tecnologia e soprattutto le richieste dei clienti dei grandi marchi sportivi della Motor Valley“.

Bosch prepara futuro a idrogeno per le sportive endotermiche

Rueger ha aggiunto che nel 2030 non più del 15% della produzione di auto sportive sarà 100% elettrica e soprattutto che  il fattore del peso delle batterie ha una grande influenza sulla dinamica e il piacere di guida“. Per questo motivo va tenuta valida  la possibilità di conversione dei sistemi propulsivi endotermici verso nuove categorie di combustibili come l’idrogeno e gli e-fuel. E’ l’idrogeno che tiene banco.

Pronto quasi subito

Il plus di questa soluzione è che l’idrogeno permette di passare dalla progettazione ai test di laboratorio, ai collaudi e alla produzione di serie senza perdere troppo tempo.  I motori a combustione interna a idrogeno (HICEV) possono rapidamente arrivare alla produzione, ha detto Rueger, realizzati sulla base di propulsori esistenti e possono utilizzare gli stessi componenti, eccetto i serbatoi e i sistemi di alimentazione. Modifiche non sostanziali.

Bosch è pronta a collaborare con i Costruttori. “La mobilità sostenibile a basse emissioni non sarà in contrasto con il piacere di guida” ha chiosato Berger, in linea con la prospettiva di Bosch che ha in programma di proporre più soluzioni per la transizione energetica, non solo quella della batterie, che ha uno dei punti deboli nel peso delle stesse, specialmente per quanto riguarda la dinamica delle vetture.  Un principio base, fedele alle parole di Colin Chapman, geniale inventore delle Lotus classiche, trionfatore in F1. “Aggiungi cavalli e andrai forte in rettilineo, togli peso e andrai forte ovunque”.

Leggi ora: quando arriverà la prima Alfa Romeo elettrica?

 

Ultima modifica: 30 maggio 2022