BMW M2 CS Racing Cup Italy da 450 cavalli, come va l’auto da corsa

957 0
957 0

Brutale. Non troviamo altro modo di descrivere la prima volta da passeggeri su un’auto da corsa, con un pilota vero ai comandi.

BMW M2 CS Racing Cup Italy - 8

La macchina è la BMW M2 CS Racing Cup Italy da 450 cavalli che partecipa al campionato monomarca giunto al secondo anno di vita. Nel 2020 saranno venti le M2 al via su sei autodromi italiani.

Una macchina da corsa è un’altra dimensione. Nulla di ciò che avete provato, a parte forse una moto ipersportiva da 200 cavalli, può prepararvi a un giro in pista. Sia pure al 70% delle potenzialità, come assicura il pilota attraverso l’interfono.

Le gomme sono slick, e già questa è una chiave per l’iperspazio, ma poi ci sono i freni Brembo, grandi appena meno dei cerchi, ci sono le sospensioni rigidissime e c’è uno al volante che di mestiere guida auto da corsa.

BMW M2 CS Racing Cup Italy, pronti per andare in un’altra dimensione 

Fatto sta che alla prima curva solo la calma olimpica del conducente ti fa ritenere che forse la corsa non finirà subito nel quarto gradone delle tribune.

E poi inizia la centrifuga. Alla seconda curva il collo fa già male, alla staccata della Quercia gli occhi cercano di uscire dalle orbite. La successiva accelerazione ti comprime lo stomaco contro il sedile.

Più che un giro in macchina, un round di lotta libera. E poi, per fare una corsa vera, bisogna aggiungere altri venti scalmanati in pista che vogliono il tuo scalpo. E 40 minuti di battaglia senza respiro.

Meglio non pensarci…

Leggi ora: come sarà BMW M3 Touring

Ultima modifica: 27 aprile 2022

In questo articolo