Autoriparazione, ad aprile attività di officina in calo, ma cresce la fiducia

361 0
361 0

Quarto mese negativo di fila per il settore dell’autoriparazione. Ad aprile il 24% degli operatori ha definito “basso” il livello dell’attività di officina, contro il 7% di chi lo ha ritenuto “alto”.

Dalla differenza tra i giudizi negativi e quelli positivi si determina quindi un saldo di -17: un valore ancora molto basso, tuttavia in ripresa rispetto al -31 registrato a marzo, arrivato dopo il -7 di febbraio e il -11 di gennaio.

Questi dati emergono dal Barometro sul sentiment dell’assistenza auto, elaborato dall’Osservatorio Autopromotec sulla base di inchieste mensili condotte su un campione rappresentativo di officine di autoriparazione italiane.

Autoriparazione, ad aprile attività in calo, ma cresce la fiducia

Il Barometro segnala una lieve crescita anche per i prezzi di officina, che ad aprile si sono mantenuti su un livello definito “alto” dal 9% degli autoriparatori intervistati, percentuale equivalente a chi li ha considerati a un livello “basso” (a marzo il 14% degli autoriparatori aveva ritenuto bassi i prezzi e il 7% li aveva definiti alti).

L’indagine dell’Osservatorio Autopromotec offre un quadro previsionale per i prossimi tre-quattro mesi, da cui si prospetta uno scenario in ripresa.

Atteso un miglioramento

Per luglio e agosto il 76% degli autoriparatori interpellati prevede che le attività di officina resteranno stabili, ma coloro che si aspettano un aumento (il 16%) superano di gran lunga chi prevede un calo delle attività (l’8%).

Si tratta di previsioni in miglioramento, se si pensa che a marzo era stato appena l’8% degli autoriparatori a stimare un aumento delle attività nei successivi quattro mesi.

Per quanto riguarda i prezzi di officina, il 15% degli intervistati ritiene che nei mesi estivi i prezzi continueranno a crescere, a differenza del 7% che ipotizza un calo (il 78% prevede prezzi stabili).

Ultima modifica: 13 maggio 2022