Quando il prezzo delle auto elettriche sarà inferiore di quelle a benzina?

238 0
238 0

Quanto costeranno le auto elettriche nel futuro? Al momento la differenza non è bilanciata nemmeno dagli incentivi, che pur con la rottamazione e i 10.000 potenziali euro non arriva a quello dei rispettivi modelli benzina, che a loro volta quasi sempre sono scontati dai concessionari. La corsa pare ancora lunga.

La nuova Volkswagen ID.4

Non ci sono nemmeno prospettive condivise dai protagonisti del settore. Volgono all’ottimismo quelli del BNEF, il Bloomberg New Energy Finance, frutto di un gruppo di ricercatori assieme all’associazione Transport & Environment. Lo scenario è che entro il 2027, grazie alle politiche ambientali, il calo dei costi delle batterie e le iniziative delle Case, il prezzo delle auto elettriche sarà uguale o addirittura inferiore rispetto a quello dei modelli dotati di un motore termico. Pare uno scenario non impossibile, ma un po’ ardito.

Riciclo batterie auto elettriche

Dal canto suo il BNEF sostiene che il prezzo dei 100 dollari per kWh, la soglia che dovrebbe allineare i listini, sarà raggiunta entro il 2024 (ora è di 137 dollari). Forte anche di un calo medio dell’89% nell’ultimo decennio, destinato a scendere ancora. Secondo Bloomberg del 50% tra il 2020 e il 2030, fino a 58 dollari per kWh: quasi dimezzato rispetto a un pezzo considerato oggi “appetibile”.

La progressione è stata ipotizzata considerano i continui incentivi da parte dei rispettivi governi e non considerando che i costi per le materie prime, carbonato di litio, idrossido di litio al e cobalto, ad esempio, non sembrano destinati a calare. Sono molti i fattori che in corsa potrebbero cambiare le carte in tavola di un indirizzo comunque chiaro, obbligato da limiti sempre più vincolanti sulle emissioni, da uno sviluppo della rete di ricarica e dall’arrivo, circa nel 2025, delle più efficienti batterie allo stato solido. Le quali dovrebbero cambiare le carte in tavola, a partire dall’efficienza e dal peso

Nouvelle Vague, Luca De Meo racconta il futuro Renault - 11

Altra prospettiva per Luca De Meo, Ceo di Renault

Luca De Meo, uno dei più capaci manager dell’auto, che ha il polso della situazione, ha illustrato prospettive assai diverse. “Le automobili diventeranno parecchio più costose nei prossimi anni. Nessuno lo vuole riconoscere, tantomeno i politici che spingono sulle auto elettriche. Ma un powertrain elettrico (batterie, motori e software, ndr) oggi costa quattro o cinque volte più di uno diesel e benzina. Serviranno dieci anni per dimezzare il prezzo: questo vuol dire che tra dieci anni comunque costerà ancora il doppio. Per questo il Gruppo Renault non ha previsto di aumentare il volume di produzione e vendita. Inoltre gli effetti post-pandemia dureranno anni. Ma in sostanza il prezzo medio delle vetture aumenterà di migliaia di euro”.

Chi avrà ragione? Noi stiamo con la prudenza, fondata, di De Meo.

Leggi anche:  Cinque grandi azionisti di Toyota contro il Ceo Akio Toyoda

Ultima modifica: 11 maggio 2021