Audi R8 Coupé GT, 620 cavalli per la trazione posteriore più potente dei Quattro Anelli

1560 0
1560 0

Audi R8 Coupé GT con i suoi 620 cavalli è l’auto a trazione posteriore più potente realizzata nella storia del Marchio di Ingolstadt.  Tocca il suo zenit, 12 anni dopo il lancio della prima Audi R8 GT.

Adotta come base tecnica quella di R8 V10 performance RWD (rear-wheel drive). Ma la potenza del V10 5.2 aspirato cresce da 570 a 620 cavalli, eguagliando la variante a trazione integrale quattro.

Aumento anche per la coppia erogata che passa da 550 a 565 Nm da 6.400 a 7.000 giri, laddove l’intervento del limitatore è previsto a 8.700 giri. Sarà disponibile nella seconda metà del 2023.

Le performance

Accelera da 0 a 100 km/h in 3,4 secondi, risultando ben tre decimi più veloce della “sorella” Audi R8 Coupé V10 performance RWD. Il passaggio da 0 a 200 km/h avviene in 10,1 secondi, mentre la velocità massima si attesta a 320 km/h. 

Aggiornato il cambio a doppia frizione S tronic a 7 velocità, dai rapporti lievemente accorciati e caratterizzata da passaggi di marcia ancora più immediati.

Una novità

Aggiunge la modalità di marcia Torque Rear. Il controllo della trazione, integrato nell’elettronica del sistema ESC, prevede 7 setting attivabili mediante lo specifico satellite al volante: il livello 1 garantisce perdite d’aderenza minime, mentre il livello 7 lascia all’abilità del guidatore la gestione dell’esuberanza del propulsore.

Il sistema Torque Rear, oltre che sul controllo della trazione, influisce sull’erogazione del V10, affinata in funzione delle informazioni fornite dai sensori di rilevamento della velocità, dell’angolo di sterzata, della pressione sul pedale dell’acceleratore e del rapporto innestato.

Dieta virtuosa

E’ 20 kg più leggera della R8 Coupé V10 performance RWD, ovvero 1.570 kg. Gli esclusivi cerchi in lega forgiati da 20 pollici a 10 razze, di derivazione racing e abbinabili agli pneumatici semi-slick Michelin Sport Cup 2, contribuiscono al contenimento delle masse.

Un obiettivo cui concorrono dotazioni di serie quali i sedili a guscio R8, i freni carboceramici. E l’assetto sportivo performance con barra antirollio anteriore in alluminio e carbonio misto a poliuretano termoplastico (CFRP). Quest’ultima corredata di bracci d’accoppiamento longitudinali in alluminio anodizzato rosso.

Non passa inosservata 

Audi R8 Coupé GT può contare su di un stile personalizzato. Alla finitura total black per la sigla modello, gli anelli Audi e il collettore di aspirazione si affianca il kit aerodinamico in carbonio sviluppato in galleria del vento, garante d’elevati valori di deportanza.

Il pacchetto include splitter, blade alle estremità del paraurti anteriore, minigonne, profili aerodinamici alle spalle dei passaruota posteriori, estrattore e alettone con supporti a collo d’oca.

In abitacolo dominano il nero e il rosso. Finitura rossa, ad esempio, per le cinture, sino ad oggi un’esclusiva di Audi R8 GT del 2010.

Mentre i tappetini e i sedili si avvalgono del logo GT. Il numero progressivo, identificativo dell’esemplare, si trova al centro del tunnel, lungo il rivestimento in carbonio in prossimità della leva selettrice della trasmissione.

Completano l’allestimento GT dotazioni di pregio. Quali i proiettori a LED Audi Matrix con Audi laser light. I gusci dei retrovisori laterali e la cover del V10 in carbonio. Il Bang & Olufsen Sound System con altoparlanti agli appoggiatesta.

E lo sterzo dinamico che adatta il rapporto di trasmissione in funzione della velocità di marcia. Un pezzo speciale.

Leggi ora: Audi Q4 e-tron, autonomia a 540 km e arriva 45 e-tron quattro da 265 cv

Ultima modifica: 4 Ottobre 2022

In questo articolo