Free To X, salgono a 26 le High Power Charger (HPC) per auto elettriche sulle autostrade

617 0
617 0

Prosegue l’attuazione del piano di installazione di stazioni di ricarica ad alta potenza per veicoli elettrici messo in campo da Free To X, società del gruppo Autostrade per l’Italia dedicata allo sviluppo di servizi avanzati per la mobilità, con  due nuovi charging point: Arno Ovest, sulla autostrada A1 Milano-Napoli, e, da domani, Brianza Sud, sull’autostrada A4 Milano-Brescia.

Con queste nuove aperture, a sud di Firenze e a est di Milano, salgono così a 26 le High Power Charger (HPC) attive sulla rete autostradale di ASPI, con altri 21 cantieri in corso, molti dei quali in fase di completamento entro l’estate. 

Fino a chiusura del piano, previsto per l’estate 2023, saranno avviate in media 5/6 nuove stazione ogni mese e attualmente l’investimento complessivo per le 100 stazioni pianificate è di 75 milioni di euro, finanziati da Autostrade per l’Italia.

Una volta completato il piano di installazione, su 100 aree di servizio della rete ASPI, la distanza media tra un’area di ricarica e l’altra sarà di circa 50 km, pari all’interdistanza media delle aree di servizio a livello europeo, nonché in linea con proposta di regolamento europeo (Alternative Fuel Infrastructure Regulation – AFIR), all’interno del pacchetto di misure sul clima “Fit for 55”. 

Nata nel 2021, Free To X è una start-up del gruppo ASPI dedicata allo sviluppo di servizi avanzati per la mobilità, che offre soluzioni per migliorare l’esperienza di viaggio a 360°, puntando su innovazione, tecnologia e sostenibilità. Free To X realizza e gestisce in qualità di Charging Point Operator (CPO), il più grande network di stazioni HPC per veicoli elettrici in Italia, in ambito autostradale, con colonnine in grado di erogare fino 300kW di potenza con tempi medi di ricarica di 15 – 20 minuti. 

Come funziona

Free To X consente la neutralità di standard tecnologici, ricaricando le diverse tipologie di veicoli che viaggeranno in autostrada con energia 100% green; neutralità geografica, coprendo l’intera rete autostradale di Autostrade per l’Italia; neutralità commerciale, garantendo l’accesso, a parità di condizioni, a tutti i principali operatori della mobilità elettrica (Mobility Service Provider – MSP) che hanno il rapporto con gli utilizzatori finali, anche attraverso le principali piattaforme di e-roaming. L’infrastruttura di Free To X è disponibile sulle piattaforme di e-roaming Hubject e Gireve e ad oggi oltre 40 MSP, di 15 nazionalità diverse, hanno aderito all’offerta di interoperabilità. 

I conducenti di auto elettriche, attraverso le app o card dei Mobility Service Provider potranno così usufruire dei servizi di ricarica in totale autonomia, h24 e 7 giorni su 7, impiegando gli stalli per il tempo necessario al rifornimento delle batterie del proprio mezzo. Anche grazie a queste facilitazioni, la vacanza in automobile nel nostro Paese sarà semplice e sostenibile.

Leggi ora: Porsche integra Free To X al proprio servizio di ricarica

Ultima modifica: 25 luglio 2022