Estrema Fulminea, formidabile hypercar elettrica dalla Motor Valley

1384 0
1384 0

Estrema Fulminea, una nuova perla dalla Motor Valley. Una hypercar elettrica dalle prestazioni assolute: sarà prodotta a Modena in 61 esemplari.

Automobili Estrema è una nuova azienda, nata su iniziativa dell’imprenditore Gianfranco Pizzuto, già tra i fondatori di Fisker Automotive nel 2007.

L’obiettivo è quello di mettere su strada per il 2023 la prima hypercar elettrica italiana. Forte di numeri eccezionali, ca va sans dire.

Tecnologia al vertice

Estrema Fulminea sarà la prima hypercar con omologazione stradale ad utilizzare un innovativo pacco batteria “ibrido” impiegando celle allo stato solido prodotte da ABEE (Avesta Battery Energy Engineering) e ultra-capacitori. Il pacco batterie sarà progettato e prodotto in collaborazione con lo specialista IMECAR Elektronik.

Sarà spinta da quattro motori elettrici con una potenza di picco di 1,5 MW, ovvero 2.040 cavalli. L’accelerazione sarà mostruosa: da 0 a 320 km/h in meno di 10 secondi. Il pacco batterie avrà una capacità di 100 kWh con un’autonomia prevista secondo il ciclo WLTP di 520 km.

Estrema Fulminea: peso limitato, per essere una elettrica

Grazie all’utilizzo delle celle allo stato solido, la batteria ibrida ad alte prestazioni (costruita con la tecnologia “cell to pack”) arriverà a toccare una densità energetica da record con ben 450 Wh/kg (equivalenti a 1.200 Wh/l) con un peso della batteria di 300 kg. La massa totale in ordine di marcia dichiarata è circa 1.500 kg. Non esagerata per il tipo di vettura.

Ultima modifica: 2 febbraio 2021

In questo articolo