America contro Trump e la sua politica sulle emissioni auto

3522 0
3522 0

Sono ben note le controverse posizioni di Donald Trump riguardo ai temi ambientali. L’uscita degli Stati Uniti dagli accordi di Parigi ne rappresenta il massimo, e per molti catastrofico, esempio. La storia va avanti: è di qualche giorno fa la notizia dell’intenzione da parte del presidente statunitense di rimettere mano agli standard sulle emissioni delle auto per il periodo 2022-2025. L’obiettivo è di ripristinare i limiti (molto più lassi) precedenti a quelli approvati da Barack Obama. Un’iniziativa che però non sembra andar giù a diversi stati americani.

Leggi anche: L’inquinamento uccide ogni anno 1,7 milioni di bambini

LETTERA APERTA
Il procuratore generale dello Stato di New York, assieme ai colleghi di altri 12 stati, fra cui Oregon, Washington, Massachusetts, Iowa, Pennsylvania e Rhode Island, ha infatti firmato una lettera aperta all’EPA (Environmental Protection Agency). Lo scopo è quello di bloccare l’idea di Trump. E l’azione di protesta sembra agguerrita. Nel testo si legge infatti: “Alla luce dei vantaggi che gli attuali standard potranno fornire per la salute pubblica e per l’ambiente, se l’EPA agirà per indebolirli o ritardarli, intendiamo utilizzare con vigore rimedi giuridici appropriati per bloccare tali azioni”.

La partita è aperta e non promette niente di buono. Si conosce da un lato l’ostinazione di Trump e, dall’altro, gli ovvi giovamenti che ne trarrebbero le case automobilistiche, diciamo così, più tradizionali.

Ultima modifica: 13 Giugno 2017