Aston Martin Valkyrie AMR Pro creata da Newey, mago di Red Bull F1

1956 0
1956 0

Al Salone di Ginevra è la festa delle supercar, ma Aston Martin Valkyrie AMR Pro ha un DNA come nessun’altra. Spicca tra tutte. E’ nata su progetto del miglio ingegnere degli ultimi dieci anni di F1. Ovvero Adrian Newey, Chief Technical Officer delle Red Bull che hanno fatto incetta di campionati mondiali. Può bastare come biglietto da visita? Crediamo proprio di sì.

Un modello speciale, creato per la pista che davvero può essere considerata una delle auto più vicine alle Formula Uno. Si tratta di una serie speciale di 25 esemplari. Newey ci ha messo tutto il suo know-how. E al pari delle monoposto che hanno dato 4 titoli a Vettel promette di avere qualcosa di diverso dalle altre hypercar. Soprattutto dal punto di vista aerodinamico.

Aerodinamica al top

Tutti i dettagli sono stati portati all’estremo. Valkyrie AMR Pro è essenziale, ma frutto di un lavoro molto approfondito. Che parte da un livello di aerodinamica finalizzato per avere le massime prestazioni. L’alettone posteriore chiaramente spicca. Ma ogni dettaglio è stato estremizzato. Basta vedere come i gruppi ottici anteriori siano stati ridotti. O le forme del posteriore per ottimizzare i flussi d’aria.

Quasi un jet

L’accelerazione laterale può superare i 3G (forza di accelerazione di gravità, in pratica ogni kg pesa come 3). Ovvero più di quella un aereo da caccia a pistoni della seconda guerra mondiale. Telaio e carrozzeria sono in fibra di carbonio, parabrezza e finestrini sono realizzati in policarbonato. E’ rimasto solo l’essenziale. Gli interni sono dedicati solo alla guida, non ci sono schermi di intrattenimento e nemmeno il riscaldamento.

Rapporto peso potenza straordinario

Valkyrie AMR Pro porta a spasso più cavalli che chilogrammi. Il motore V12 aspirato da 6.5 litri agisce in un powertrain ibrido completato da Rimac nella parte elettrica. La potenza complessiva è di 1100 cavalli. Il peso della vettura è intorno ai 1.000 kg. Il rapporto peso/potenza è stupefacente, circa 1:1. E garantisce una anche una velocità massima di 362 km orari.

 

 

Ultima modifica: 8 marzo 2018

In questo articolo