Supra, Toyota rilancia il mito dell’auto sportiva giapponese

2197 0
2197 0

Supra è un nome mitico per Toyota e i cultori di auto sportive, in USA e in Giappone. Al Salone di Ginevra con GR Supra Racing torna un modello speciale. Della prossima sportiva di Toyota. Non ibrida: una sportiva “old school”. Che avrà la piattaforma in comune con BMW Z4. Quindi trazione posteriore e motore turbo a 6 cilindri benzina.

Supra evoca potenza, performance e maneggevolezza che hanno contraddistinto il modello per un quarto di secolo. La Toyota Supra gode ancora oggi di un invidiabile status tra i fanatici del Motorsport, a 15 anni di distanza dal termine della sua produzione.

La sua popolarità è stata aiutata dal successo nel videogioco Gran Turismo. E dalla sua apparizione nel primo capitolo della saga cinematografica Fast and Furious. Conosciuta con il nome di A40, la Supra originale ha in seguito dato origine a tre nuove generazioni: la A60 nel 1981, la A70 nel 1986 e la A80 nel 1993.

Il Prototipo GR Supra Racing

Una due porte compatta che monta un motore anteriore e trazione posteriore e che fa ampio uso di materiali ultraleggeri. Creato dal team TOYOTA GAZOO Racing, il prototipo esprime alla perfezione il concetto di “divertimento alla guida” alla base della filosofia Toyota.

Il suo sviluppo è coerente con il credo di Kiichiro Toyoda, il padre fondatore dell’azienda. La partecipazione agli sport motoristici propone le giuste sfide in fatto di performance e durata. Fattori che aiutano direttamente lo sviluppo delle vetture da strada, oltre a generare il giusto interesse da parte degli appassionati.

Gli esterni

Il prototipo sfoggia un design accattivante con un ampio alettone posteriore. L’ampio utilizzodi materiale composito ultraleggero è stato destinato ad elementi quali i paraurti, lo splitter anteriore e il diffusore posteriore, le pedane laterali, l’alettone posteriore e gli alloggiamenti dei retrovisori.

L’abitacolo è interamente orientato alla performance sportiva ed è equipaggiato con una plancia da corsa, un sedile OMP sul lato guida e imbracatura di sicurezza. La sicurezza a bordo è garantita da una scocca di protezione e da estintori. Mentre le linee del carburante e dei freni, la pedaliera, la batteria e i circuiti elettrici sono tutti progettati secondo gli standard da competizione.

Ultima modifica: 6 marzo 2018

In questo articolo