I gioielli Pagani a Ginevra dopo un 2017 da record

1607 0
1607 0

Pagani ha festeggiato un 2017 da record, con un 29% di fatturato in più rispetto al 2016. A partire dalla prossima settimana, al Salone di Ginevra, saranno in mostra due gioielli del costruttore di San Cesario sul Panaro. Huayra Roadster, in configurazione americana, e Zonda HP Barchetta rappresentano i traguardi aziendali raggiunti nel 2017.

Le 100 vetture previste per la produzione limitata di Huayra Roadster sono già tutte vendute“, spiega Horacio Pagani. “I nostri artigiani stanno creando ognuno di questi esemplari all’interno del nostro nuovo atelier di San Cesario sul Panaro unendo, come da tradizione Pagani, i valori di Arte e Scienza. Prevediamo che il 2018 sarà l’anno più impegnativo ma anche più gratificante per noi grazie alle consegne di 40 nuove vetture ai loro rispettivi proprietari. Al Salone di Ginevra 2018 abbiamo deciso di esporre una Huayra Roadster versione USA per raccontare il nostro grande impegno nello sviluppo di un prodotto globale e conforme ai più restrittivi standard omologativi”.

La Zonda perfetta e il Rinascimento

La seconda supercar in mostra è invece la HP Barchetta, che ha debuttato a Pebble Beach la scorsa estate. Un’auto che incarna la personale visione di Horacio Pagani della Zonda perfetta. Nel 2017, a quasi vent’anni dall’uscita della prima Zonda, la Casa emiliana ha lanciato il programma Rinascimento. Un percorso di restauro conservativo che mira a riportare all’originale splendore alcune tra le prime Pagani mai create, grazie al ripristino del maggior numero possibile di componenti originali.

Prendersi cura dei nostri clienti è da sempre la nostra priorità“, ribadisce Horacio Pagani. “Non abbiamo piani di espansione della nostra capacità produttiva oltre le 40 vetture all’anno. Ci stiamo invece impegnando per offrire sempre più servizi ai membri della famiglia Pagani e dare loro quante più attenzioni possibili“. La Casa intensificherà ulteriormente i propri investimenti nel settore ricerca e sviluppo, già cresciuti dell’86% negli ultimi quattro anni.

Ultima modifica: 26 febbraio 2018