Nuova era di Mercedes, apre all’elettrico ma tiene in vita il diesel

576 0
576 0

Dove va il mondo dell’auto? Bello chiederlo ad Ola Kallenius, che da sempre vive nel futuro tecnologico di Mercedes. Dal 22 maggio prossimo questo svedese di 49 anni, dal volto pieno e pacioso, sarà il successore del baffuto Zeitsche alla guida del gruppo Daimler.

La preoccupa l’intesa tecnologica fra Volkswagen e Ford?

«Non commento le strategie di altri, dico solo che noi abbiamo stretto una partnership con Bmw su alcuni temi urgenti per la mobilità del futuro: i servizi di car-sharing, la guida autonoma, le batterie di nuova generazione. La ricerca in queste direzioni ha costi altissimi: giusto suddividerli e trarne frutto insieme».

Ola Kallenius, CEO entrante del Gruppo tedesco
Ola Kallenius, CEO entrante del Gruppo tedesco

Come si immagina la mobilità nell’anno 2030?

«Non pensate a una rivoluzione totale. Cotinueranno a esistere tutti i tipi di motorizzazione, compreso il diesel. Credo che avrà vita lunga, perché ha abbassato il suo tasso di inquinamento del 15-20% e mi sembra irrinunciabile per i veicoli commerciali dalle lunghe percorrenze. Certo l’ibrido plug in e l’elettrico, poco a poco, prenderanno piede ma i costruttori devono avere grande flessibilità e un ampio ventaglio di prodotti per soddisfare tutte le esigenze».

Il Concept EQV

Quando arriverà il tempo delle auto a guida autonoma?

«Il livello 5, quello dove l’automobilista può disinteressarsi della guida è molto lontano. Ma gli ausili al conducente, il mantenimento della distanza e della carreggiata, la frenata automatica sono ausili fondamentali per tutti. L’auto autonoma potrà diventare patrimonio del segmento people mover, quello delle navette per il trasporto di persone. In futuro il nostro EQV, lanciato proprio qui a Ginevra, potrebbe non aver bisogno di pilota».

L’Italia resta un buon mercato per Mercedes?

«Uno dei più forti d’Europa, perché agli italiani piacciono le belle macchine e il design curato e noi soddisfiamo queste richieste».

Anche la connessione continua è ormai un must per l’auto premium.

«Per questo abbiamo sviluppato il sistema MBUX, che montiamo su tutte le nostre vettture. L’auto oggi è concepita come un computer con le ruote ma è importante che il guidatore resti concentrato sulla strada. Ecco perché un sistema vocale evoluto consente di dialogare con la vettura senza distrarsi, ottenendo tutte le informazioni necessarie»

Giuseppe Tassi

Mercedes Benz CLA 250 Shooting Brake

Ultima modifica: 15 marzo 2019

In questo articolo