Marchionne sul futuro di Ferrari (ibrido) e Alfa Romeo: Jeep davanti a Fiat

2010 0
2010 0

Sergio Marchionne al Salone di Ginevra ha parlato dei principali Marchi di Fiat Chrysler Automobiles. Almeno per l’Europa. Della loro situazione e del loro futuro a breve termine. Ecco le sue parole.

Ferrari crossover Nuova era in Ferrari, la svolta di Marchionne e i piani FCA

Ferrari: ci saranno ibrida e SUV

Presenteremo un a Ferrari ibrida al Salone di Francoforte nel 2019. Poi arriverà anche il SUV, perché gli sport utility sono sempre più richiesti. In Usa e in Europa. Per il SUV il difficile sarà lo stile. Una Ferrari elettrica? Arriverà, ma è un molto lontano. La guida autonoma sulle Ferrari? Su alcuni modelli granturismo sì, su quelle come la 488 Pista no“.

Stelvio Quadrifoglio NRING

Alfa Romeo e Maserati

Con Alfa e Maserati d’ora in poi non parleremo di numeri, ma di obiettivi finanziari. Abbiamo creato un’infrastruttura tecnica di base condivisa  in grado di competere con i tedeschi. La cooperazione tra Alfa e Maserati funziona: il Tridente senza il Biscione avrebbe le gambe molto corte. Con Giulia e Stelvio abbiamo dimostrato il nostro livello tecnico. Ora tocca ai nostri uffici commerciali. Alfa potrebbe fare più modelli sportivi. La prima Maserati su architettura Alfa (il SUV medio, ndr) sarà prodotta in Italia tra la fine del 2019 e il 2020“.

2017, l'anno del SUV per tutti. Lo Sport Utility Vehicle democratico

Jeep sorpassa Fiat

La strategia per Jeep è chiara. Abbiamo cercato di svilupparla in modo globale. Diventerà il più grande Marchio del Gruppo. È un brand eccezionale, su cui dobbiamo puntare. Sarà parte importante del piano che lanceremo il 1° giugno. Fiat: capiscola sua storia centenaria, la sua importanza ma dobbiamo dare spazio a Marchi più potenti. Avrà il suo spazio in America Latina ma meno peso in Europa

Diesel e auto elettriche

Dipende da cosa chiederà il mercato. L’indicazione è un progressivo allontanamento. Ridurremo progressivamente la nostra dipendenza del Diesel. Le auto elettriche? Il futuro non è il presente, quindi dobbiamo fare attenzione.

Ultima modifica: 8 marzo 2018