Al Salone di Ginevra 2019 ha vinto l’ibrido

474 0
474 0

La scelta dei produttori è sembrata chiara a tutti, soprattutto in attesa delle nuove normative che stabiliscano criteri ufficiali sui diesel “green” di ultima generazione. Il Salone di Ginevra 2019 ha confermato che la strada tracciata negli ultimi anni da tutte le case automobilistiche europee (e non solo) va dritta verso l’elettrificazione e, in modo particolare, verso l’ibrido.

I MOTIVI DI QUESTA SCELTA

Le case automobilistiche cavalcano il mercato, che appare sempre più orientato verso soluzioni di mobilità in grado di salvaguardare l’ambiente. C’è anche una questione più pratica, legata a scelte politiche eco friendly: la Comunità Europea, ad esempio, sta mettendo in campo una serie di normative che hanno abbassato in maniera decisa i limiti di emissioni di CO2.

I MODELLI PRESENTATI DA FCA AL SALONE

Proponiamo qui una carrellata dei modelli di automobili ibride presentate durante la manifestazione svizzera, iniziando da Fiat Chrysler. La nuova Alfa Romeo Tonale concept, la sorella minore della Stelvio, avrà la doppia motorizzazione, un’inversione di tendenza della casa italoamericana confermata anche sui prototipi della nuova Panda (la Fiat Centoventi) e sui nuovi modelli di Jeep con Renegade, Compass e Wrangler.

LA GERMANIA SUGLI SCUDI

Tutta l’industria automobilistica tedesca viaggia spedita verso l’ibrido. La conferma arriva dai grandi investimenti (si parla di quasi 40 miliardi di euro) che le case tedesche hanno messo in cantiere per fare dell’elettrico il modello vincente. Dalle parole ai fatti, con Audi che ha inserito la motorizzazione ibrida per i modelli A6, A7 Sportback, A8 e Q5, sulla variante coupé del suv e-tron, chiamata Sportback, e sui futiristici Q4 e-tron concept ed e-tron GT concept. Una tendenza chiara anche in casa BMW con il lancio di 330e, X5 xDrive 45e, 745e, della serie 1, la serie 3 Touring e l’elettrica i4. Stessa linea di Mercedes, con i suoi tre livelli di elettrificazione EQ Boost (mildHybrd 48 volt), EQ Power il plug-in Hybrid e EQ l’elettrico puro. Un dato che dovrebbe far riflettere è l’investimento che la casa di Stoccarda ha stanziato per i prossimi anni solo per la ricerca nel ramo delle batterie: ben 20 miliardi di euro.

I MODELLI DELLE ALTRE CASE AUTOMOBILISTICHE

Passando alla Francia, in casa Peugeot, scopriamo la 508 Hybrid berlina e SW e 3008 Hybrid4, ma anche la DS Crossback E-Tense. Ibride sono anche la nuova Volvo Polestar e le non europee Mazda3 e Toyota, con la nuova gamma della Corolla e del Rav4 Hybrid.

Ultima modifica: 12 marzo 2019