Maserati su misura, la Quattroporte GranLusso One of One di Xuan Feng

747 0
747 0

Quattroporte GranLusso One of One di Xuan Feng, al Salone di Shanghai Maserati punta sulla personalizzazione.  Il Tridente presenta un nuovo esemplare unico.

Per anticipare il futuro programma di personalizzazione, Maserati presenta una Quattroporte GranLusso ONE OF ONE, personalizzata dal Centro Stile Maserati in collaborazione con un cliente d’eccezione: il Direttore di T-Magazine China, Xuan Feng.

Maserati dà rilievo ulteriormente alla personalizzazione ed alla valorizzazione dell’italianità abbinando alto artigianato, tecnologia avanzata e ricerca estetica.

Al Salone presente anche la Quattroporte S Q4 GranLusso MY19 caratterizzata da interni in Pelletessuta Zegna, un materiale nuovo ed unico realizzato da Ermenegildo Zegna in esclusiva per Maserati.

Oltre alle Quattroporte GranLusso ONE OF ONE e Quattroporte S MY19 con interni in Pelletessuta Zegna, Maserati espone anche sullo stand Levante e Ghibli MY19, entrambe nella configurazione GranLusso.

MASERATI QUATTROPORTE GRANLUSSO: LA ONE OF ONE DI XUAN FENG

Protagonista al Salone dell’Automobile di Shanghai 2019 è la Quattroporte GranLusso ONE OF ONE, che anticipa il futuro programma di personalizzazione Maserati. In posizione di rilievo sullo stand, un esemplare unico di Maserati Quattroporte GranLusso interamente personalizzato per il Direttore di T-Magazine China, Xuan Feng.

Il Centro Stile Maserati ha guidato Xuan Feng nella configurazione della sua vettura attuando un processo di personalizzazione che ha permesso al cliente di partecipare attivamente al processo di creazione: il cliente non ha scelto solo gli accessori e la configurazione ma ha partecipato attivamente alla personalizzazione della propria vettura.

Un progetto esclusivo nel quale Xuan Feng ha raccontato al Centro Stile Maserati se stesso, la sua storia e le sue passioni, traducendo il tutto nella sua Maserati unica.

In questo nuovo esempio di personalizzazione, ogni dettaglio definito dal Centro Stile Maserati è strettamente legato ad un aspetto della personalità e dello stile di vita di Xuan Feng.

La Quattroporte GranLusso ONE OF ONE presenta esternamente una nuova vernice creata ad hoc per il cliente: si tratta di una particolare tonalità di azzurro con finitura opaca che richiama la stoffa denim, per riflettere perfettamente la personalità e lo stile del cliente.

Gli interni sono particolari, caratterizzati da un abbinamento tra il tradizionale colore nero e il nuovo colore “bianco ghiaccio”: sottoplancia, pannelli porta e sedili presentano questa colorazione bicolore per conferire all’abitacolo un look ricco di personalità e contemporaneo.

I sedili hanno una confezione con cuciture verticali ispirate al pattern gessato dei tessuti della moda maschile. Grazie alla particolare tecnica di colorazione che avviene in botti di rovere, una tecnica che permette ai pigmenti di essere assorbiti in modo naturale dalla pelle stessa, la pelle Pieno Fiore assume una colorazione elegante, profonda e luminosa. La pelle è morbida, con una texture leggermente e volutamente irregolare che le conferisce struttura e carattere. Le cuciture dei pannelli porta e parte superiore della plancia riprendono la colorazione azzurro denim degli esterni.

Il tunnel centrale, l’inserto plancia e i pannelli porta della Quattroporte GranLusso ONE OF ONE di Xuan Feng sono in radica 100% naturale, caratterizzata da una colorazione azzurro denim, che richiama gli esterni e che la rendono sofisticata.

Questa particolare radica viene utilizzata per la prima volta su una vettura dell’ attuale gamma Maserati.

Il Centro Stile Maserati ha creato per Xuan Feng due kit specifici di sovratappetti in colorazioni diverse: uno bianco ghiaccio per esaltare la luminosità degli interni e un altro in blu indigo che richiama la particolare colorazione esterna.

UN PERCORSO INTERATTIVO ATTRAVERSO WORKING TABLE DI ECCELLENZE ITALIANE

La Casa del Tridente ospita nella Terra del Dragone, oltre allo storico partner Ermenegildo Zegna, leader nell’abbigliamento maschile di lusso, altre due aziende leader nel proprio settore: Giorgetti, azienda italiana di riferimento nel mondo per la lavorazione del legno per arredi e oggetti dal design unico e De Castelli, azienda leader del trattamento dei metalli per la produzione di complementi d’arredo, superfici e progetti custom.

Lo stand traccia un percorso interattivo attraverso tre diverse aree tematiche con tre diversi working table dedicati: in ognuna di esse saranno esposti materiali e componenti che raccontano la continua ricerca di eccellenza, stile e unicità tipiche del Made in Italy e quindi di Maserati.

Maserati si avvale nell’Area Personalizzazione del D-Table, l’unico tavolo interattivo multi-touch caratterizzato da un design elegante e raffinato. Grazie ad un software di ultima generazione il cliente può configurare la propria vettura selezionando abbinamenti esterni e interni, colori e materiali con un semplice tocco della mano. In tal modo il cliente può vivere un’esperienza unica nella configurazione della propria Maserati, utilizzando gli elementi di personalizzazione disponibili.

Ermenegildo Zegna – Working Table

Il working table Zegna racconta l’atelier sartoriale Zegna-Maserati dalla fase preliminare della tessitura attraverso le rocche di filo di Pelletessuta fino ai rotoli tessuti nelle colorazioni delle pelli Maserati (nero, cuoio, rosso, testa di moro).

Come un “made to measure” la Pelletessuta si adatta alle sinuosità delle fasce plancia Quattroporte Maserati (elemento protagonista dell’abitacolo, perfetto per Pelletessuta; la tridimensionalità delle fettucce di pelle crea un haptic superficiale sul componente restituendo luce e matericità dando forza espressiva al volume del componente). Sul tavolo troviamo due fasce plancia Quattroporte vestite con Pelletessuta nero e cuoio.

Ci saranno anche cinque elementi deco trim pannello porta di Maserati Levante, che raccontano le opportunità di customizzazione cromatica della Pelletessuta per Maserati.

Le quadrotte di Pelletessuta rappresentano disegni jacquard che mixano cromie, grafismi e pattern per possibili customizzazioni, studi e ricerche stilistiche tra il Centro Stile Ermenegildo Zegna e Maserati.

Gli sketches raccontano le ricerche dell’ispirazione materica, l’applicazione visiva sui componenti ed il bilanciamento di armonie cromatiche contestualizzato nell’abitacolo, realizzate dal Centro Stile Maserati.

Giorgetti – Working Table

Il working table di Giorgetti è il tavolo per eccellenza del legno dell’artigiano ed ebanista. Attraverso i 3 inserti plancia Quattroporte, Giorgetti racconta sui componenti Maserati il protagonismo del legno, la lavorazione prima meccanica e poi manuale, fatta di intaglio, tornitura, modellazione su tre delle 12 essenze lignee Giorgetti: il Frassino, il Noce Canaletto e l’Acero.

Sul tavolo si trova anche un pannello boiserie in legno Frassino anticato con lavorazione Shibori, di ispirazione per le due fasce plancia Quattroporte che accolgono il trattamento convertendolo in un trattamento micro-shibori, manieristico e di dettaglio su sezioni piazzate e all-over. Gli inserti plancia più piccoli hanno lo stesso trattamento dei più ampi elementi in plancia: essenze radica di Frassino anticata e radica di Frassino naturale.

Infine i fogli di impiallacci completano il table come elementi di ricerca stilistica dove Giorgetti e Maserati sperimentano con le essenze lignee che diventano grafismi paesaggistici nello Ziricote o dinamismi materici con il Tanganika frisè.

De Castelli – Working Table

Il working table racconta l’incontro tra l’eccellenza italiana De Castelli nella lavorazione superficiale del metallo e l’interpretazione di Maserati di cogliere il metal poetry, la ricercatezza della lavorazione del metallo che applicata ai componenti interni principali della fascia plancia e dei trim pedaliere nobilita l’abitacolo non solo formalmente, ma aggiungendo poesia, matericità, storytelling legato alle ispirazioni cromatiche del territorio italiano.

Le quattro lamiere raccontano il processo di lavorazione del semilavorato: dalla lastra del raw material nella sua purezza si passa alla battitura manuale del metallo sulla forma della fascia plancia Quattroporte Maserati (elemento protagonista dell’abitacolo si presta a comunicare i passaggi cromatici e poetici della finitura DeMarea, scelta per queste opere d’arte). Gli ulteriori due elementi raccontano le fasi di ossidazione e trasformazione superficiale dell’ottone dove sono le mani e la creatività/voluttà dell’uomo a decidere quando fermare il tempo ed il processo di ossidazione per ottenere il gradiente DeMarea, definendo l’unicità di ogni particolare.

Sul tavolo creativo e di lavoro dell’artigiano lo storytelling passa attraverso gli utensili, storici attrezzi attraverso cui la lamiera prende forma e diventa opera d’arte.

Le lamiere con lavorazioni superficiali diversificate raccontano l’eccellenza e il mondo De Castelli, ma anche le opportunità e la ricerca stilistica Maserati.

Sul working table vengono mostrate anche una fascia plancia Quattroporte con finitura Ferro DeMarea, Rame DeMarea ed Ottone DeMarea. La trilogia DeMarea racconta un unico processo fatto di ossidazioni manuali sovrapposte ma polisemico, ispirato dal territorio, creando effetti “acquerellati”, trasmettono sensazioni fortemente materiche e suggestioni che rimandano al passaggio delle onde sulle briccole di Venezia.

Tocchi speciali

L’incontro De Castelli e Maserati trova espressione anche sulle pedaliere, elementi protagonisti per la funzione qui vengono nobilitati dalle ossidazioni manuali con una chiave più sofisticata e dandy nel kit Rame DeMarea abbinato al pad in cuoio Saddle Extra concia vegetale ispirato alle suole delle scarpe made to measure, mentre con una chiave più “art workshop/officina artistica” nel kit Ferro DeMarea brandizzato con loghi incisi Maserati.

Gli sketches raccontano le ricerche dell’ispirazione materica, l’applicazione visiva sui componenti ed il bilanciamento di armonie cromatiche contestualizzato nell’abitacolo, realizzate dal centro stile Maserati.

Ultima modifica: 16 aprile 2019

In questo articolo