Gomme auto: tutte le caratteristiche di quelle estive

905 0
905 0

Le gomme estive sono tendenzialmente le più adatte per un clima asciutto, con poca pioggia e con temperatura sopra i 10 gradi.

La mescola delle gomme estive, si differenza dall’invernale per le scanalature e per la durezza. La caratteristica principale sta nella scanalature longitudinale che raccoglie l’acqua per espellerla tramite quelle trasversali, in modo da evitare il cosiddetto aquaplaning ( fenomeno di galleggiamento di un veicolo in movimento su uno strato d’acqua esteso su una strada).

Al di là delle normative e degli obblighi, gli esperti consigliano di equipaggiarsi di gomme estive nel periodo primavera-estate. Con l’arrivo della bella stagione, e soprattutto l’aumento delle temperature. Gli pneumatici estivi sono sviluppati per ogni situazione di caldo e per le corse su strade asciutte e pioggia. Queste condizioni sono raggiunte grazie a nervature, barre battistrada e scanalature.
Le gomme estive sono consigliate da aprile ad ottobre proprio per le temperature che si registrano normalmente. Il momento dell’anno in cui effettuare tale operazione senza incorrere in sanzioni è dal 15 aprile al 15 maggio.

Ma mettendo da parte sanzioni e quanto altro, le gomme estive danno al guidatore grossi vantaggi:

• Minor spazio di frenata
• Migliore tenuta di strada sia su sfondo asciutto sia su sfondo bagnato
• Minor consumo di carburante
• Minor consumo di battistrada
• Minore rumorosità

Come detto, la peculiarità delle gomme estive è sicuramente il grado di aderenza in qualsiasi tipo di condizioni ambientali. Su strada asciutta, le gomme estive risultano essere molto precise, se il battistrada sarà rigido. La scelta delle rigidità dipende dal profilo, dall’intaglio , dai tasselli e dalle lamette autobloccanti. Viceversa, con la guida su bagnato e una gomma estiva, sarà più efficace se il battistrada risulterà essere più profondo. Infatti, i canali dello pneumatico hanno una profondità del battistrada di 8 mm ed hanno dunque la funzione di drenaggio dell’acqua presente sulla strada. Un battistrada basso aumenterebbe il rischio di aquaplaning e la distanza di arresto. Il comportamento dello pneumatico su strada bagnata dipende dal tasso di intaglio, dalla loro forma (simmetrica, direzionale o asimmetrica), dalla disposizione ed infine dalla lamellatura.
Comprare gli pneumatici nuovi su internet permette di risparmiare alcune decine di euro rispetto ai piccoli centri di installazione, mentre non sempre il prezzo delle gomme online può rappresentare l’affare migliore rispetto ai più grandi centri d’installazione di pneumatici che in risposta al fenomeno delle vendite online speso applicano prezzi quasi da grossisti anche ai privati. Bisogna tenere bene a mente quindi che al costo delle gomme comprate online andrà aggiunto quello per montarle quando vi recherete dal gommista (smontaggio delle gomme usurate, l’equilibratura, la convergenza e la sostituzione delle valvole).

 

Ultima modifica: 29 maggio 2018