Mercedes-AMG GT C Roadster al Salone dell’Auto di Torino

2103 0
2103 0

Sarà protagonista al Parco Valentino: la Mercedes-AMG GT C Roadster eredita le caratteristiche tecniche dall’AMG GT R, come l’asse posteriore sterzante o il differenziale posteriore autobloccante a regolazione elettronica.

La capote della nuova AMG GT C Roadster, realizzata in tessuto, è disponibile nelle tonalità nero, rosso e beige e si apre in circa undici secondi, fino a 50 km/h. Il V8 biturbo da 4,0 litri con cui è equipaggiata regala una potenza 410 kW (557 CV), inferiore di appena 20 kW (28 CV) a quella della Mercedes AMG GT R. La coppia massima di 680 Nm è disponibile dai 1900 ai 5750 giri al minuto e la progressione da 0 a 100 è di soli 3,7 secondi, con una velocità massima di 316 km/h.

Mercedes-AMG GT C Roadster (R 190), Arizona 2017
La Mercedes-AMG GT C Roadster eredita le caratteristiche tecniche dall’AMG GT R, come l’asse posteriore sterzante o il differenziale posteriore autobloccante a regolazione elettronica

Anche dal punto di vista costruttivo, l’AMG GT C Roadster prende in prestito alcune caratteristiche tecniche della GT R, come l’asse posteriore sterzante o il differenziale posteriore autobloccante a regolazione elettronica. Grazie anche all’assetto sportivo Ride Control AMG l’AMG GT C Roadster garantisce una dinamica di marcia di altissimo livello. E sotto il profilo delle dimensioni si ispira alla AMG GT R: i parafanghi posteriori più larghi consentono di ampliare sia la carreggiata che le ruote dell’asse posteriore, per velocità in curva ancora più elevate e una trazione eccellente.

Tra le protagoniste del Parco Valentino anche la nuova Classe E Coupé, terzo elemento della famiglia di coupé firmata Mercedes-Benz. Una tradizione lunga oltre 100 anni, che si rinnova oggi attraverso una nuova generazione di automobili per tornare a guidare i grandi coupé della Stella. Nella kermesse torinese c’è spazio anche per la piccola smart fortwo, presentata in versione Atomic Yellow, un nuovo, esclusivo ‘tailor made’ firmato BRABUS.

Ultima modifica: 7 giugno 2017

In questo articolo