Qualità superiore, ecco perchè. Tecnologia e praticità per la Fiesta

3144 0
3144 0

Qualità superiore. La nuova Fiesta fissa nuovi punti di riferimento per personalizzabilità, dotazioni, ingegneria innovativa e design. L’atmosfera a bordo è esaltata dal tetto panoramico, apribile, costituito da 2 pannelli in cristallo oscurato, la cui resistenza è stata potenziata grazie a una saldatura laser ottimizzata per ottenere una superficie omogenea e la massima solidità.

Il design esterno comunica un carattere di esclusività grazie a una precisa esecuzione dei più piccoli dettagli che rivela l’attenzione ossessiva dei progettisti verso la qualità: i sensori di parcheggio si integrano fluidamente con le superfici dei pannelli, gli ugelli lavavetri sono occultati sotto il profilo del cofano, non è presente viteria a vista in prossimità delle luci e della fascia posteriore, e il gap tra tetto e portellone è stato ridotto di oltre il 30%.

L’omogeneità delle superfici è proposta anche all’interno, dove il blocco unico della console centrale si raccorda fluidamente al pannello strumenti e non mostra punti di unione visibili, per una sensazione di grande continuità. Gli interni della nuova generazione di Fiesta rappresentano la prima applicazione, nel settore auto, di una nuova tecnologia di rivestimento delle superfici che le arricchisce di eleganti motivi tridimensionali.

Massima resistenza al tempo

I materiali di sedili e rivestimenti di tutte le versioni della Fiesta di nuova generazione sono stati i primi a essere stati sperimentati presso il rinnovato laboratorio Ford di Dunton, nel Regno Unito, attraverso oltre 60.000 cicli di stress-test che hanno assicurato la massima resistenza nel tempo. La colorazione dei componenti è stata analizzata tramite un veterometro e uno spettrometro dopo essere stata esposta a un’intensa luce ultravioletta per assicurare l’assenza di degradazione delle tinte.

Gli elementi in pelle sono stati testati per resistere a macchie di ogni genere. Come caffè, crema abbronzante e perfino tinture di jeans e vestiti. Ulteriori elementi per la prima volta disponibili sulla Fiesta sono derivati dalle dotazioni presenti su modelli Ford di categoria superiore. Come il volante riscaldato, per rendere più piacevoli le partenze nelle mattine d’inverno. E il pannello strumenti, dotato di uno schermo TFT da 4,2” che all’accensione dà il benvenuto attraverso un’animazione.

La struttura della scocca è stata irrigidita. Mentre l’isolamento da rumore e vibrazioni del motore, grazie anche al parabrezza acustico, è stato migliorato per assicurare un’atmosfera premium. I ‘son’ (unità di misura della sensazione sonora), percepiti a 100 km/h esprimono un miglioramento del 7% rispetto alla generazione precedente. Rappresentando il nuovo punto di riferimento per il segmento di appartenenza.

Sempre pratica

I clienti apprezzeranno anche alcuni dettagli che rendono sempre più soddisfacente l’esperienza di utilizzo quotidiano. I tergicristalli puliscono il 13% in più del parabrezza. Le porte richiedono il 20% di spinta in meno per essere chiuse. Mentre durante i rifornimenti, un nuovo beccuccio ottimizzato per il sistema Ford EasyFuel, privo di tappo e che impedisce di utilizzare il carburante sbagliato, evita che gocce prodotte dalla pressione possano raggiungere le superfici esterne.

Fiesta ST da 200 cv al Salone di Ginevra

L’inserimento della retromarcia è ora più fluido, rendendo i cambi rumorosi solo un ricordo. La protezione per gli spigoli delle porte (Door Edge Protector) estende un flap di gomma all’apertura delle porte. Proteggendone la vernice dagli urti nei parcheggi stretti. Il nuovo design del tetto incanala l’acqua piovana lontana dai bordi. Evitando che ci si possa bagnare entrando o uscendo dall’auto.

Ulteriori test in fase di produzione assicureranno i più elevati livelli di qualità. Durante lo stampaggio dei pannelli, uno strumento analizza le frequenze sonore generate. E identifica eventuali elementi che non rispondono ai rigorosi standard della nuova Fiesta.

Ultima modifica: 25 settembre 2017