I numeri della festa dei motori a Modena

389 0
389 0

Quattro secondi. È il tempo medio impiegato dai meccanici del Cavallino per il cambio gomme al Pit Stop Ferrari. Grande partecipazione di pubblico all’evento in corso al Parco Novi Sad: piene le tribune, che possono ospitare fino a 1750 persone, diverse le presenze sul prato e quelle sugli spalti dell’area della chicane nella zona del Foro Boario.

Oltre 5.000 persone che hanno gremito l’Autodromo di Modena per seguire le evoluzioni al cardiopalmo dei Motor1Days. 1.500 gli appassionati che hanno provato il brivido delle piste da corsa a bordo dei bolidi.

Presenti all’evento anche alcuni dei rappresentanti delle case della Terra dei motori dell’Emilia Romagna: Stephan Winkelmann, amministratore delegato di Bugatti, Mitja Borkert, Head of Design Automobili Lamborghini, che ha tenuto una lezione di design, e Horacio Pagani, proprietario di Pagani Automobili.

Ben 3.000 gli addetti ai lavori che hanno visitato l’area Innovation & Talents presso il Laboratorio Aperto all’interno dell’Ex Centrale AEM che giovedì 16 e venerdì 17 maggio ha ospitato 14 università, 30 startup e 14 tra aziende, partner e sponsor di Motor Valley Fest. Oltre 600 gli studenti di istituti tecnici, università e master che hanno preso parte ai Talents talk sul futuro dell’automotive all’interno del Laboratorio aperto.

Erano invece 800 le persone che hanno riempito la platea e i palchi del Teatro Comunale Luciano Pavarotti per assistere al convegno inaugurale con le autorità locali e alla tavola rotonda con il gotha della Motor Valley.

Gettonatissimo il Villaggio Motor Valley a Palazzo Ducale, sede dell’Accademia Militare di Modena, così come la mostra “Ferrari Alfista” del Museo Alfa Romeo allestita nel cortile di Palazzo Rangoni Machiavelli, con code all’ingresso nei momenti di maggiore affluenza. Migliaia i presenti che hanno affollato il centro per ammirare le sfilate della 1000 Miglia e del Ferrari Tribute.

Grande successo di pubblico anche per i percorsi gastronomici di Piacere Modena, molto apprezzati in particolare dai turisti stranieri. Sono stati 300 i biglietti staccati solo venerdì per l’ingresso nella “Piazzetta del Gusto”, aperta fino a domenica, allestita da Piacere Modena insieme ai Consorzi di tutela e promozione dei prodotti DOP e IGP e ai Consorzi di accoglienza turistica “ModenaTur” e “Modena a Tavola” in Piazza Matteotti. 

Anche il sito e i social sugli scudi

Sono ben 20.000 gli utenti unici nel sito ufficiale motorvalleyfest.it, 1 milione e 200 mila le persone che hanno visualizzato i post della sulla pagina Facebook nell’ultima settimana e 235.000 le persone che hanno visitato il canale ufficiale Instagram nell’ultima settimana.

La manifestazione ha portato in città 120 giornalisti, dei quali 36 della stampa estera, provenienti da Usa, Regno Unito, Cina, Germania, Russia Polonia e Brasile.   Un ringraziamento va inoltre alle oltre 200 “tute bianche” della manifestazione, i giovani volontari impegnati in città per orientare il pubblico tra i vari eventi.

Ultima modifica: 20 maggio 2019

In questo articolo