La giornata inaugurale Motor Valley Fest “The art of innovation”

691 0
691 0

La Motor Valley accetta la sfida della transizione verso il powertrain elettrico e l’innovazione dei carburanti E-fuel e Bio-fuel, senza perdere di vista la performance delle vetture, cercando di sfruttare la tecnologia più avanzata e la digitalizzazione per costruire auto e moto sempre più sicure e affascinanti nel design, per continuare a emozionare i driver di tutto il mondo e rimanere al  “forefront” del settore automobilistico internazionale. Il Convegno Inaugurale al Teatro Pavarotti-Freni di Modena – prima del taglio ufficiale del nastro nel Cortile d‘Onore dell’Accademia Militare – ha dato lo start oggi alla quarta edizione del Motor Valley Fest, il grande festival a cielo aperto nella Terra dei Motori. 

Un parterre di altissimo livello – con esperti, top manager, imprenditori e rappresentanti del mondo delle istituzioni – si è confrontato sulle tematiche più stringenti del settore automotive. 

 

Andreas Cornet

Nell’’Opening Conference tre keynote speaker internazionali hanno tratteggiato le tendenze del settore mobility e automotive, Andreas Cornet, Senior Partner McKinsey ha evidenziato come gli anni 20 del nuovo Millennio stabiliranno il corso della mobilità a livello globale: «Il passaggio all’elettrico cambierà l’intera architettura della costruzione di una vettura, ma la Motor Valley potrà trovare soluzioni per continuare a restare al top nel mercato, contribuendo alla spinta tecnologica». 

Da parte sua, Johannes-Joerg Rueger, Bosch CEO Engineering e Board Member Automotive si è interrogato sull’impatto che la transizione ecologica avrà sulle auto sportive: «Dobbiamo mantenere intatto il DNA delle sport cars, perché non è vero che le vetture del futuro riserveranno meno emozioni a chi le guiderà. La trasformazione dell’industria ci sarà: dovremo utilizzare la tecnologia al meglio». Come esempio il manager ha citato la guida assistita, «da sviluppare per aumentare la sicurezza dei veicoli».

d

Christian Richter, Google Director Global: ha premuto sull’acceleratore, prospettando un futuro in cui una “big machine” raccoglierà e imparerà da tutti i “data” collezionati dai nostri spostamenti, acquisti e ricerche online, per profilare un perfetto cliente per eCommerce e Omnichannell, in un mix ideale per le aziende. E la stessa Machine Learning contribuirà a migliorare il conto economico della realizzazione di una vettura.

Il Convegno Inaugurale nella seconda parte ha lasciato spazio al Motor Valley Top Table, dove hanno dialogato  Livia Cevolini, CEO Energica Motor Company, Claudio Domenicali, Amministratore Delegato Ducati Motor Holding S.p.A., , Enrico Galliera Chief Marketing and Commercial Officer Ferrari S.p.A., Horacio Pagani, Fondatore & Chief Designer Pagani Automobili, Francesco Tonon, Maserati Head of Global Product Planning & Product Marketing e Stephan Winkelmann, Presidente and CEO Automobili Lamborghini. 

Livia Cevolini (Energica), da pioniera dell’elettrico, si è detta contenta della nascita delle nuove tecnologie, ammettendo di sentirsi «a proprio agio fuori dalla comfort zone, nel limbo del futuro». 

Enrico Galliera (Ferrari)

Per Enrico Galliera (Ferrari) «Ci attende una sfida epocale: possiamo reagire in molti modi e Ferrari ha scelto di vedere in questa challenge un’opportunità di crescita ma anche di divertimento. Al di là del contributo all’abbassamento delle emissioni di CO2, dobbiamo pensare all’esempio che diamo come Aziende della Motor Valley, conosciute in tutto il mondo. Abbiamo tutte le carte in regola per affrontare il futuro. Resta ferma la nostra missione: costruire vetture che donano emozioni». 

Sulla stessa linea Claudio Domenicali (Ducati): «Il motore elettrico è affascinante e ci spinge a cercare nuove soluzioni, legate ad aspetti come il raffreddamento. Con nuove sfide arrivano anche nuove competenze e noi di Ducati sviluppiamo moto ma puntiamo anche sul capitale umano».

Per Stephan Winkelmann (Lamborghini) il futuro è già tracciato: «Nei prossimi due anni sarà ibrida la completa gamma Lamborghini. E nel 2028 produrremo la prima auto completamente elettrica. Questo pone davanti ad altre sfide. I nostri clienti si aspettano da una vettura elettrica una performance superiore a quella con motore a scoppio». 

Francesco Tonon (Maserati)

Come sa bene Maserati. «Abbiamo prodotto una GT Full Electric, la Folgore», ha detto Francesco Tonon (Maserati), «e nel 2025 una intera nostra gamma, nel segmento più legato al lifestyle sarà così».

In apertura del convegno i saluti istituzionali del sindaco della città di Modena Gian Carlo Muzzarelli: «Abbiamo bisogno di un’atmosfera come quella del Motor Valley Fest per ritrovare energia», ha sottolineato il primo cittadino. «La guerra in Ucraina ha stravolto i piani e quindi dobbiamo riassestare una strategia per affrontare le sfide della transizione: energetica, tecnologica, ecologica e digitale, ma anche del lavoro».

IL Presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini:

A seguire, l’intervento del Presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini: «La guerra ha acuito gli effetti di quella pandemia energetica che sta mettendo tutti in difficoltà, alla pari di quella sanitaria. Abbiamo bisogno di provare a scommettere su una ripartenza. L’Emilia-Romagna ha sempre affrontato le sfide della sorte: qui da noi dopo il terremoto è stato ricostruito il 95% di ciò che era crollato».

Come il sindaco di Modena e il Presidente della Regione Emilia-Romagna hanno più volte sottolineato, questo importante cambio di passo è reso possibile grazie anche alle azioni di Governo previste, e alle quali ha fatto riferimento nel corso del suo intervento il Sottosegretario di Stato al Ministero degli Affari Esteri Manlio Di Stefano: «Raccontare le eccellenze passa anche da eventi come il Motor Valley Fest. Come Governo lo stiamo facendo attraverso la più grande campagna di comunicazione valoriale del brand Made in Italy. II Governo italiano è al fianco della Motor Valley, front runner del Made in Italy nel mondo».

«Questa è l’edizione della maturità per il Motor Valley Fest» ha detto il Presidente della Camera di Commercio di Modena Giuseppe Molinari, che ha definito quello del grande festival a cielo aperto nella Terra dei Motori «un format ideale e dalla collocazione ottimale nel territorio emiliano-romagnolo che, con il suo tessuto di lavoratori-imprenditori rispecchia questa maturità»

 Pier Carlo Padoan, Presidente UniCredit, ha dichiarato:

«Anche per l’edizione 2022, UniCredit conferma con entusiasmo il proprio sostegno al Motor Valley Fest. Un’iniziativa che coniuga diversi aspetti per il nostro Gruppo: dall’impegno per la valorizzazione del territorio al supporto del settore automotive. Il tutto in un’ottica di sempre maggiore focalizzazione sui temi della sostenibilità e dell’innovazione. Siamo orgogliosi di prendere parte a questo progetto che conferma il nostro impegno come partner di riferimento per le imprese e le comunità. E di consolidare la sinergia con controparti di rilievo, acceleratori per lo sviluppo sostenibile del business e dell’economia locale, motori della crescita».

Ultima modifica: 26 maggio 2022

In questo articolo