Vehicle to grid: a Milano parte la sperimentazione

404 0
404 0

Auto collegate tra di loro tramite speciali prese che si “passano energia” caricandosi a vicenda e diventano delle vere e proprie powerbank capaci di ricaricare anche altri dispositivi. È questo, in estrema sintesi, il funzionamento del sistema vehicle to grid, sviluppato da Nissan, Enel e RSE (ente pubblico di Ricerca Sistema Energetico) che arriva a Milano per la fase di sperimentazione su strada.

COME FUNZIONA IL NUOVO SISTEMA DI RICARICA

Il sistema vehicle to grid è un sistema di accumulo e cessione di energia elettrica sviluppato da Nissan in collaborazione con Enel e RSE che consente alle automobili, collegate tramite delle prese speciale chiamate V2G, di scambiare energia tra di loro e con l’esterno, trasformando praticamente le vetture in una sorta di powerbank. La nuova tecnologia non scarica l’automobile che in quel momento cede energia ma, con un sistema di microcariche e microscariche elettriche, permette di ricaricare un altro veicolo o, ad esempio, alimentare una piccola casa o un ufficio. Il sistema, dopo una fase di sperimentazione tra Danimarca, Inghilterra e Germania è arrivato finalmente in Italia, nella città di Milano.

I VANTAGGI DEL SISTEMA VEHICLE TO GRID

Secondo le stime, grazie a questa tecnologia sarà possibile accumulare energia alternativa prodotta da fonti rinnovabili per coprire più del 30% di fabbisogno energetico nazionale. Sfruttare le automobili elettriche come delle vere e proprie batterie su 4 ruote che forniscono energia pulita e rinnovabile fornirà dei benefici economici anche all’utente finale che, volendo, potrà mettere a disposizione del sistema la propria auto, cedendo energia e risparmiando anche il 30% sulla propria bolletta della luce. La sperimentazione durerà 18 mesi e dovrà fornire risposte esaustive alle promesse di funzionalità ed economicità che questa nuova tecnologia promette di portare con sé.

Ultima modifica: 2 agosto 2019