Quark, David e Terrier: le nuove componenti elettriche ad alte prestazioni di Koenigsegg

412 0
412 0

Koenigsegg è una delle case automobilistiche di lusso più avanzate in termini di novità tecnologiche. La più recente riguarda la propulsione elettrificata. L’azienda svedese ha infatti presentato le nuove componenti del gruppo propulsore elettrico che verrà installato sulla futura gamma di veicoli ad alte prestazioni Koenigsegg.

La prima di queste parti si chiama Quark, ed è un innovativo motore elettrico. Accanto a lui c’è anche David, l’inverter che trasforma la corrente continua in alternata e che controlla la velocità di reazione. Messi assieme, nella composizione di due motori elettrici e un inverter, si ha infine il Terrier, ossia l’unità completa di azionamento elettrico.

Koenigsegg - Quark - David - Terrier 6
Koenigsegg – Quark – David – Terrier (Foto: Koenigsegg)

Terrier, secondo Koenigsegg, è una delle unità motrici a zero emissioni più potenti in circolazione. La sua eccezionalità è data dalla capacità di erogare un’enorme potenza mantenendo misure e peso ridotti all’osso. Per capire quanto il Terrier è piccolo, Koenigsegg lo ha immortalato in una serie di scatti accanto a una lattina per bibite: il confronto è impressionante.

Koenigsegg – Quark – David – Terrier (Foto: Koenigsegg)

Il motore elettrico Quark, che è l’elemento più pesante, segna appena 30 chili, ma è comunque in grado di sviluppare fino a 339 cavalli e ben 600 Nm di coppia.

Koenigsegg - Quark - David - Terrier 4
Koenigsegg – Quark – David – Terrier (Foto: Koenigsegg)

Questi dati sono stati ottenuti grazie a un’attenta scelta dei materiali (acciaio aerospaziale e fibra di carbonio), unita allo sviluppo di tecniche produttive all’avanguardia.

La prima applicazione di Quark e dell’unità Terrier è destinata alla Koenigsegg Gemera di prossima generazione, hypercar composta da tre motori elettrici più uno a combustione interna in grado di arrivare fino a 1.700 cavalli. Ma le nuove componenti elettriche di Koenigsegg verranno proposte anche ad altre case automobilistiche e ad aziende navali e aeronautiche.

Ultima modifica: 1 febbraio 2022

In questo articolo