Porsche testa sistemi di sicurezza basati sul cloud e il 5G

837 0
837 0

Porsche è al lavoro per riuscire ad aumentare la sicurezza sulle strade attraverso nuove tecnologie come il cloud computing, il 5G e l’intelligenza artificiale. L’azienda tedesca non è sola: insieme a lei ci sono anche i partner Vodafone e HERE Technologies, azienda in comproprietà di Audi, BMW e Daimler, che si occupa di fornire servizi e tecnologie di dati di tipo geografico e di mappatura per il settore automotive.

L’obiettivo del lavoro delle tre aziende, al momento ancora nella fase studio di fattibilità, è quello di aumentare la precisione e la velocità nella raccolta ed elaborazione dei dati provenienti dall’esterno del veicolo, in modo tale da fornire informazioni ed eventuali segnali d’allarme riguardo a potenziali situazioni pericolose al guidatore praticamente in tempo reale.

Porsche e i suoi partner, nello specifico, stanno sperimentando come la tecnologia 5G e la determinazione precisa delle posizioni di veicoli, pedoni o altro, possano migliorare la sicurezza del traffico e ridurre il numero degli incidenti stradali. La lente di ingrandimento, nei test che si stanno svolgendo ad esempio al Vodafone 5G Mobility Lab di Aldenhoven (in Germania), è rivolta in particolare alle situazioni pericolose poco o per nulla visibili per i conducenti, come per esempio quando la vista è bloccata dalle auto incolonnate nel traffico davanti al nostro veicolo. Attraverso sistemi di sensori e telecamere, che utilizzano ampiamente l’intelligenza artificiale e precisamente geolocalizzati, sarà possibile catturare tutto ciò che succede attorno e anche lontano dal veicolo. I dati catturati verranno elaborati e valutati da software interni al mezzo, ma anche da sistemi esterni, che fanno parte della futura infrastruttura “allacciata” al cloud.

Si tratta di uno scenario da V2X o anche X2X, dove auto, cartelli, piloni, spartitraffico, semafori o anche cellulari saranno in grado di parlarsi fra di loro per poter fornire nel più breve tempo possibile, praticamente in tempo reale, tutte le informazioni necessarie a un viaggio in auto sicuro.

“Il miglioramento della sicurezza stradale è un obiettivo chiave per noi. La tecnologia di localizzazione combinata con 5G e Multi-access Edge Computing consente soluzioni potenti che rendono le strade più sicure, offrendo migliori esperienze di mobilità per gli utenti della strada”: queste sono le parole di Antina Lee, membro della squadra Product Innovation di HERE Technologies. Michael Reinartz, diretto dell’innovazione per Vodafone Germania, ha sottolineato il fatto che “Se le auto si avvertono reciprocamente sui pericoli in tempo reale, è possibile salvare vite umane. Il 5G e l’elaborazione dei dati a bordo strada aiutano a trasmettere gli avvisi di pericolo senza indugio e a rendere il traffico stradale ancora più sicuro”.

Ultima modifica: 30 giugno 2021

In questo articolo