Le Ford Escape si parcheggiano da sole a Detroit

202 0
202 0

La ricerca sui sistemi di parcheggio intelligente è sempre attivissima. Del resto si tratta dell’operazione spesso più noiosa per gli automobilisti e un po’ tutte le case automobilistiche si stanno adoperando per trovare delle soluzioni che permettano a chi guida di non doversi più occupare di trovare ed effettuare un parcheggio. Un recente esempio in questo senso arriva dagli Stati Uniti, dove Ford, in collaborazione con Bosch e il servizio di parcheggi Bedrock, sta effettuando dei test di parcheggio automatico a Detroit.

Le Ford Escape si parcheggiano da sole a Detroit 1
Le Ford Escape si parcheggiano da sole a Detroit (Foto: Ford)

Le prove si stanno svolgendo all’interno dell’Assembly Garage di Bedrock, a Detroit appunto, un autosilo attrezzato con tutta una serie di tecnologie firmate Bosch in grado di interagire con le auto e guidarle all’interno della struttura senza che il conducente debba mettere mano a volante o pedali. In questo progetto l’Ovale Blu ha messo a disposizione una flotta di Ford Escape attrezzate con un pacchetto di sensori di ultima generazione, che possono inviare e ricevere dati e istruzioni all’infrastruttura intelligente Bosch installata nel garage.

Le Ford Escape si parcheggiano da sole a Detroit 3
Le Ford Escape si parcheggiano da sole a Detroit (Foto: Ford)

Gli utenti devono semplicemente lasciare il proprio veicolo in un’apposita area all’ingresso del garage, dando il via al processo di parcheggio attraverso un’app sul proprio smartphone. La regola è la stessa nel momento del ritiro del veicolo: una selezione sull’app ed ecco che l’auto si ripresenta in modo autonomo all’uscita.

Leggi anche: Bosch e Mercedes, via libera per il parcheggio senza conducente

Questo genere di tecnologie promettono di rendere le operazioni di parcheggio molto più efficienti, non solo in termini di tempo. Secondo Ford è possibile sistemare fino a venti veicoli in più in un garage, grazie alla precisione dei sistemi automatizzati che possono calcolare gli spazi al millimetro fra un veicolo e l’altro. Tali sistemi potranno essere utilizzati anche per altri servizi, come ad esempio negli autolavaggi o nelle operazioni di ricarica delle auto elettriche.

Ultima modifica: 27 agosto 2020

In questo articolo