La Mercedes Classe G elettrica avrà un’autonomia da record grazie a batterie ad anodo di silicio

316 0
316 0

Mercedes-Benz ha annunciato che la Classe G elettrica, per ora in formato concept (Mercedes EQG), avrà in dotazione un nuovo tipo di pacco batterie ad alta intensità energetica, un modo per risolvere il problema di come poter alimentare le auto elettriche più grandi senza appesantirle ulteriormente con grandi batterie.

Il nuovo tipo di batteria è prodotta da Sila Nanotechnologies, startup che ha stretto una partnership con Mercedes-Benz (e altre case automobilistiche, come BMW), e utilizza anodi a base di silicio. Tali componenti permettono di rendere le batterie dal 20 al 40% più dense di energia rispetto a celle più tradizionali, ora in circolazione nel mercato dell’auto elettrica. Una maggiore densità energetica si traduce nel fatto che le batterie possono diventare più piccole, facendo risparmiare spazio, ma anche e soprattutto più efficienti, promettendo dati sull’autonomia decisamente più elevati.

“Fornire una densità di energia così alta”, dice Markus Schaefer, CTO di Mercedes, “rappresenta un vero punto di svolta e ci consente di guardare in direzioni completamente nuove nello sviluppo delle future auto elettriche”.

Mercedes non è entrata nei dettagli, ma prevede di poter offrire una gamma di nuovi veicoli elettrici Classe G con batterie Sila intorno al 2025.

L’azienda tedesca è il primo cliente ufficiale della giovane startup californiana Sila. Ed è anche uno dei primissimi finanziatori. Nel 2019 Mercedes ha infatti acquisito una partecipazione di minoranza di Sila, nel solco del programma di ricerca e sviluppo sulle tecnologie legate all’elettrificazione.

Ultima modifica: 18 maggio 2022