Ford è al lavoro su una stazione di ricarica robotizzata per gli automobilisti disabili

319 0
319 0

Fare benzina o ricaricare un’auto elettrica sono per la maggior parte delle persone operazioni molto facili. Ma, come per tanti altri aspetti della vita quotidiana, potrebbero essere delle sfide impegnative per disabili e anziani. Seguendo questa riflessione, Ford ha sviluppato un prototipo di stazione di ricarica robotizzata azionabile direttamente dall’abitacolo del veicolo, attraverso il proprio smartphone o altro dispositivo.

Leggi anche: Stellantis e A35 testano la ricarica a induzione per auto elettriche | VIDEO

Questa soluzione può essere appunto ottima per i conducenti disabili o a mobilità ridotta, che potrebbero rimanere in auto durante le operazioni di ricarica, o anche lasciare il veicolo lasciando che si occupi di tutto il robot di Ford.

Ford - Stazione di ricarica robotizzata 4
Ford – Stazione di ricarica robotizzata (Foto: Ford)

L’idea di Ford non arriva per caso. Secondo un recente sondaggio nel Regno Unito, infatti, risulta che il 61% dei conducenti disabili prenderebbe in considerazione l’acquisto di un veicolo elettrico solo se la ricarica fosse resa più accessibile. L’Ovale Blu ha dunque inserito il progetto di un sistema robotizzato di ricarica all’interno di un suo più ampio programma di ricerca, volto allo sviluppo di soluzioni di ricarica “hands-free” per i veicoli elettrici e di ricarica completamente automatizzata per i veicoli a guida autonoma.

La fase di sperimentazione in contesti reali del sistema di ricarica robotizzato è già partita. Gli utenti che hanno testato il sistema hanno semplicemente azionato il tutto dall’app FordPass. Il funzionamento è semplice: grazie all’aiuto di una telecamera, il braccio di ricarica della colonnina si estende verso l’ingresso della presa del veicolo. Finita la ricarica, il braccio torna autonomamente nella posizione iniziale.

Ford - Stazione di ricarica robotizzata 2
Ford – Stazione di ricarica robotizzata (Foto: Ford)

I test sono stati effettuati con un prototipo di stazione di ricarica realizzato dall’Università di Dortmund, in Germania.

Ultima modifica: 22 luglio 2022

In questo articolo