Auto sempre più tecnologiche: tutti i dispositivi già esistenti

151 0
151 0

Leggono i segnali stradali e regolano la velocità in maniera automatica, controllano gli angoli ciechi dell’auto che il guidatore non può vedere, avvisano se si supera la corsia, aiutano il parcheggio e fanno tante altre cose all’interno dell’auto. Di cosa stiamo parlando? Dei dispositivi tecnologici che sono presenti ormai su moltissimi veicoli. Aspettando la guida autonoma, il futuro sembra essere già a bordo.

ASSISTENTE AL PARCHEGGIO, VISORI NOTTURNI E LETTORE DI SEGNALI STRADALI

Sono tanti i dispositivi tecnologici presenti sulle auto. L’assistente al parcheggio, ad esempio, arriva lì dove tanti automobilisti non riescono: parcheggiare in spazi angusti in maniera perfetta. Grazie a sistemi di sensori e radar il dispositivo “posteggia” in maniera autonoma e chi guida deve limitarsi ad accelerare e frenare seguendo le indicazioni sul display. Per migliorare la visibilità di notte e in condizioni climatiche difficili esistono invece due tipologie di visori notturni, una che amplifica la luce ambientale sfruttando quella delle stelle e un’altra che utilizza gli infrarossi. Il lettore di segnali stradali aiuta invece l’occhio distratto. È in grado infatti di catturare i segnali stradali e di riprodurli sul display dell’auto, diminuendo in alcuni sistemi più avanzati la velocità in caso si stia superando il limite presente in quella strada.

NIENTE PIÙ ANGOLI CIECHI E RILEVATORI DI STANCHEZZA

Ci sono anche altri dispositivi tecnologi che migliorano la sicurezza in auto. Il rilevatore di angoli ciechi, ad esempio, “guarda” al posto del guidatore negli angoli della macchina che l’occhio umano non riesce a controllare, quando ad esempio si sta per effettuare un sorpasso. Sempre la tecnologia permette di mantenere costante la velocità impostata con il cruise control e, con il rilevatore di stanchezza, comunica quando fermarsi durante un viaggio per mantenere la giusta efficienza e concentrazione. La frenata preventiva, tramite sensori e dispositivi radar montati nella parte frontale del veicolo, rivela in tempo reale potenziali pericoli – compresi pedoni e ciclisti – e interviene prontamente al posto di chi guida per bloccare in tempo l’auto al posto di un conducente distratto. Stesso principio per il rilevatore di corsia, che si attiva quando si sorpassa la linea continua e lo segnala con un bip al guidatore.

Ultima modifica: 30 maggio 2019