In auto con la radio digitale, l’obbligo dal 2020

425 0
425 0

Una piccola rivoluzione entrerà in vigore per gli apparecchi radiofonici delle automobili dall’1 gennaio 2020. La DAB+ Digital Audio Brodcasting, per tutti la radio digitale – sarà obbligatoria su tutti i nuovi veicoli e dovrà affiancare necessariamente le “vecchie” funzionalità di ricezione FM e AM. La nuova norma, presente nella legge di stabilità, va a recepire una direttiva europea ideata per favorire l’innovazione tecnologica nel mondo automotive.

Leggi anche: Volkswagen e Skoda, la radio Dab+ è di serie su tutta la gamma

COS’È E COME FUNZIONA LA RADIO DIGITALE

Maggiore qualità del suono, segnale che non viene perso neanche in galleria, tante stazioni in più, la possibilità di inviare in diretta foto e testi. Sono questi, tra gli altri, i vantaggi della radio digitale, il nuovo servizio obbligatorio su tutte le apparecchiature radiofoniche previsto sulle auto dal 2020. La radio digitale funziona sfruttando le frequenze lasciate libero dal digitale terrestre televisivo, con delle antenne tutte sue e con la possibilità di andare in automatico sul canale analogico in assenza di segnale.

LA COPERTURA DEL SEGNALE DAB+ IN ITALIA

La copertura del segnale della radio digitale in Italia è in continua espansione. Se la pianura Padana e, più in generale, tutto il nord Italia è praticamente coperto dal segnale della radio digitale, diverso è il discorso per quanto riguarda il resto del Paese. La dorsale autostradale e le grandi città risultano praticamente tutte sotto copertura, ma c’è ancora molto lavoro da fare per sistemare le antenne e permettere una ricezione decente della Dab+ nelle zone meno abitate e lungo le strade meno trafficate.

LE STAZIONI RADIO CHE SI POSSONO GIÀ ASCOLTARE

Le stazioni della radio digitale che attualmente possono essere ascoltate in Italia sono circa 40. Tra le più famose ci sono Radio Deejay, Radio Capital, RTL 102,5, la Rai e Radio Maria. Oltre a queste radio nazionali ci sono almeno altri 25 operatori locali, che operano in zone diverse del Paese, per un totale di oltre 250 programmi.

Ultima modifica: 28 maggio 2019