1000 Miglia a CidneOn, il Festival Internazionale delle Luci

504 0
504 0

Non poteva mancare una installazione dedicata alla “corsa più bella del mondo” a CidneOn, il Festival Internazionale delle Luci, di scena al Castello di Brescia dall’8 al 16 febbraio 2019. E dedicato quest’anno al tema delle icone italiane, tra miti e meraviglie.

Una manifestazione che mette in mostra installazioni luminose, videoproiezioni e mapping, opere interattive. E performance musicali live che raccontano personaggi, luoghi, simboli di una inesauribile storia di arte e bellezza.

Come 1000 Miglia, Main Partner di CidneOn, che è presente con un videomapping tridimensionale realizzato nella suggestiva Fossa Viscontea del Cidneo, una delle realtà più simboliche di Brescia.

Luci, suoni, colori. E i bolidi che sfrecciano sulle pareti delle mura del Castello e sul manto calpestato dai visitatori. Un’esperienza immersiva che ripercorre i momenti più significativi della Freccia Rossa e l’entusiasmo del pubblico che si affolla lungo le strade e nelle piazze delle località attraversate.

La 1000 Miglia consolida sempre più il proprio legame con il territorio a partire dalla città della Leonessa. Che diede i natali ai fondatori della corsa Franco Mazzotti, Aymo Maggi, Renzo Castagneto e Giovanni Canestrini.

E da dove tutto iniziò nella primavera del 1927. A realizzare l’installazione di 1000 Miglia è stato il collettivo olandese DMC unitamente all’artista tedesco Hannes Neumann, specializzati in video proiezioni su spazi di grandi dimensioni.

Le parole di Franco Gussalli Beretta, Presidente di 1000 Miglia srl

«Siamo orgogliosi di essere protagonisti in un contesto d’eccellenza come il Festival Internazionale delle Luci. Qui viene dato lustro alle icone italiane che hanno fatto la storia dell’arte e della cultura in senso più ampio. Esattamente come 1000 Miglia, divenuta sempre più un autentico patrimonio nazionale».

Le parole di Aldo Bonomi, Presidente di ACI Brescia

«Con la significativa presenza di 1000 Miglia a CidneOn 2019 molti cittadini che non potranno seguire la corsa nei luoghi più belli d’Italia potranno invece assaporarla in modo originale, moderno, coinvolgente. Una iniziativa che conferma il legame indissolubile tra la Freccia Rossa e Brescia».

Ultima modifica: 11 febbraio 2019