Uber al lavoro per lo sharing di bici e scooter elettrici

898 0
898 0

Uber intende ampliare la propria offerta di servizi di trasporto giocando le carte del bike e dello scooter sharing, con veicoli rigorosamente elettrici. La notizia è arrivata direttamente dall’amministratore delegato di Uber, Dara Khosrowshahi, parlando al Financial Times.

L’idea non è quella di sostituire l’ormai tradizionale servizio di taxi, ma di integrare il business con un’offerta dedicata agli spostamenti più brevi e meno impegnativi, da “ultimo miglio”. Per le biciclette Uber si è già attrezzata: lo scorso giugno ha presentato il suo primo bike-sharing a Berlino. Il discorso scooter non è invece immediato. Il progetto di Uber è infatti quello di produrre da sé un mezzo a due ruote elettrico, che possa concorrere in modo efficace con aziende già avviate nel settore, come Scoot, Bird e Lime.

Leggi anche: Toyota investe 500 milioni di dollari in Uber per la guida autonoma

Il nuovo scooter sarà il frutto della collaborazione fra Uber e Jump, società di bike sharing acquistata per 200 milioni di dollari da Uber la scorsa primavera. Le due realtà sono già al lavoro, ma non ci sono ancora dettagli tecnici riguardanti il nuovo mezzo. Ci si può immaginare comunque qualcosa di molto essenziale, probabilmente dal design futuristico ma anche sobrio, con parti meccaniche e fili vari ben nascosti sotto la carenatura (per scongiurare nei limiti del possibile atti vandalici o facili danneggiamenti).

I primi scooter elettrici destinati allo sharing debutteranno, appena verranno finalmente realizzati (mancano date esatte), in otto città degli Stati Uniti ancora da definire. Ma c’è già un ostacolo rappresentato da San Francisco. L’Agenzia dei trasporti municipali della metropoli californiana ha infatti deciso di concedere il permesso per il servizio di scooter-sharing a sole due aziende, riducendo una lista che ne contava cinque. Sono Skip e Scoot le prescelte, le quali hanno scalzato Lime, Spin e Bird. Una brutta notizia per Uber, dato che a San Francisco giocherebbe praticamente in casa.

Ultima modifica: 4 settembre 2018