Trenitalia batte Virgin, Londra-Scozia in Pendolino

297 0
297 0

Rotaia libera per i treni italiani nel Regno Unito. Il governo britannico ha assegnato il franchising della West Coast, che collega Londra alla Scozia, a Trenitalia insieme al colosso dei trasporti FirstGroup, sostituendo Virgin Trains su una delle principali rotte Nord-Sud del Paese.

L’aggiudicazione del nuovo contratto, che va dal 2019 al 2031, mette fine alla gestione ventennale dell’operatore storico Virgin Trains, una joint venture tra Virgin Group e Stagecoach, che ha gestito quella tratta fin dalla privatizzazione nel 1997.

Richard Branson, presidente di Virgin, ha dichiarato di essere «devastato» dalla decisione di affidare l’appalto a FirstGroup e Trenitalia, ma ha assicurato che il gruppo ora lavorerà con il vincitore, «per garantire una consegna senza interruzioni per i clienti».

La tratta ferroviaria della West Coast comprende i collegamenti InterCity fra Londra, Manchester, Chester, Liverpool, Preston, Edimburgo e Glasgow. L’accordo prevede anche lo sviluppo e l’introduzione, a partire dal 2026, dei nuovi servizi sulla linea ad alta velocità da Londra a Birmingham, che nei piani dovrebbe interessare 30 milioni di persone.

I servizi InterCity da Londra a Edimburgo e Glasgow trasportano ogni anno 39 milioni di passeggeri, con 76 treni che garantiscono 300 collegamenti giornalieri. Nell’ultimo anno i ricavi della tratta sono stati di oltre 1,250 miliardi di euro, con previsione di crescita nei prossimi anni.

La nuova partnership prevede l’ammodernamento dell’intera flotta di 56 treni Pendolino con 25mila nuovi posti per i passeggeri. Per Trenitalia si tratta del secondo importante ingresso nella rete ferroviaria inglese.

Nel 2017 ha rilevato per 72,6 milioni di sterline C2c, la società che gestisce la tratta fra Londra e Shoeburyness nell’Essex, su cui viaggiano ogni anno 42 milioni di passeggeri.

Trenitalia oltremanica

«Dopo soli tre anni nel Regno Unito, rafforziamo la nostra presenza con la gestione di una delle linee ferroviarie più importanti in UK, in partnership con FirstGroup», ha sottolineato Gianfranco Battisti, ad di Ferrovie.

«L’aggiudicazione della gara – ha aggiunto – rappresenta un altro passo significativo nella nostra ambizione di svolgere un ruolo importante nel settore ferroviario del Regno Unito».

La vittoria di Trenitalia e First Group arriva in seguito a una disputa legale del governo con Stagecoach su tre diversi concorsi, tra cui quello per la West Coast, che ha portato all’esclusione di Virgin Trains dalla gara.

La decisione arriva alla vigilia della pubblicazione di una riforma radicale del settore ferroviario, commissionata dal governo a Keith Williams, ex ad di British Airways.

Williams, che considera finito l’attuale sistema di franchising, dovrebbe consegnare i suoi risultati a breve: il governo conta di pubblicare il suo rapporto in autunno.

In particolare, l’alta velocità, che dovrebbe collegare Londra al Nord a partire dal 2026, è molto criticata per la lievitazione dei costi dell’infrastruttura, che potrebbero superare i 100 miliardi di sterline. Il nuovo primo ministro Boris Johnson è tra i principali critici di questa tratta.

Elena Comelli

Trenitalia Frecciarossa 1000 jpg
Trenitalia Frecciarossa 1000 jpg

Ultima modifica: 16 agosto 2019