Toyota: aumento della produzione all’estero, mentre in Giappone ancora sottotono

89 0
89 0

Toyota sta avendo qualche problema a mantenere alta la produzione nei suoi impianti in patria, ma è riuscita a compensare a livello globale, grazie alle buone prestazioni registrate negli impianti di Asia, Europa e America Latina.

L’azienda giapponese ha infatti prodotto 3,5 milioni di veicoli all’estero nei primi sei mesi del 2022, segnando un 5,6% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Parallelamente, però, la produzione in Giappone si è ridotta del 18%, ossia 1,73 milioni di veicoli.

La principale causa del calo di produzione in patria è stata (ed è) la carenza di semiconduttori, materiali invece meno necessari ai veicoli prodotti negli stabilimenti di Europa, Asia e America Latina.

Come già accennato in altri articoli, Toyota prevede di costruire 9,7 milioni di veicoli nell’anno fiscale corrente, che si concluderà a marzo 2023. “Stiamo lavorando duramente con i nostri fornitori per produrre 9,7 milioni di veicoli”, dice Kazunari Kumakura, responsabile globale degli acquisti, “Abbiamo formulato i nostri piani di produzione annuali partendo dal presupposto che la situazione sarebbe migliorata. Lavoreremo sodo per ottenere una produzione normale il prima possibile”.

Ultima modifica: 29 luglio 2022